Gatti di Santa Lucia, la ricetta facile

Come preparare i dolcetti svedesi realizzati tradizionalmente il 13 dicembre: ecco la ricetta semplice

Gatti di Santa Lucia, la ricetta facile

Avete mai sentito parlare dei gatti di Santa Lucia? Prima che vi allarmiate, nulla hanno a che vedere con i nostri amici a quattro zampe se non, secondo alcuni, la forma, che ne ricorderebbe la coda arrotolata. Secondo altri, invece, somiglierebbe più ad una esse. Si tratta di tipici dolci svedesi realizzati tradizionalmente il 13 dicembre.

Tra le ricette dei dolci di Santa Lucia questa è veramente golosa. Il loro nome in svedese è lussekatter: sono soffici, profumati e con un aroma particolare, quello dello zafferano. Curiosi di provarli? Ecco come preparare i gatti di Santa Lucia con la ricetta di Benedetta Parodi.

Ingredienti dei gatti di Santa Lucia

75 gr di burro
150 ml di latte
sale
9 bustine di zafferano
25 gr di lievito di birra
350 gr di farina
75 gr di zucchero
uvetta qb
1 uovo

Preparazione dei gatti di Santa Lucia


Versate in un pentolino il burro, unite il latte e lo zafferano e fate scaldare bene il tutto, fino a quando sia il burro che lo zafferano si saranno completamente sciolti. Adesso prelevate il pentolino dal fuoco e versatene il contenuto in una ciotola con all'interno il lievito sbriciolato. Unite tutti gli ingredienti rimasti ad eccezione dell'uovo e dell'uvetta, che serviranno più avanti. Impastate bene fino ad ottenere un composto morbido ma che non si appiccichi alle dita. Fatelo lievitare al caldo coperto da un canovaccio per 40 minuti circa.

Trascorso tale lasso di tempo, riprendete l'impasto e dividetelo in circa 30 pezzi. Lavorateli per ottenere delle strisce lunghe da arrotolare da un lato e dall'altro per ottenere una S. Decorate i dolcetti con l'uvetta fatta precedentemente ammollare in acqua tiepida. Fate lievitare i dolci per ancora 40 minuti, quindi spennellateli con l'uovo sbattuto e fateli cuocere in forno caldo a 250°C per 10 minuti. I gatti di Santa Lucia sono pronti, tirateli fuori e fateli intiepidire, quindi gustateli.

Photo | iStock

  • shares
  • +1
  • Mail