Ristoranti: Trattoria del Borgo a Bassano del Grappa (Vi)

Scritto da: -


Anche questa volta, durante una piacevolissima gita tra le ville venete, la guida Slow Food non ci ha tradito e quando è venuta l’ora di pranzo di una fredda ma assolata domenica in cui ci siamo sentiti tutti un po’ alpini passeggiando sul ponte di Bassano (dove sì, ci siamo dati la mano, proprio come recita la canzone) ci ha condotto alla Trattoria del Borgo, ristorantino defilato appena fuori dal centro storico.

Il locale è vecchio stile e piuttosto rustico: ricorda una di quelle osterie dove il tempo sembra essersi fermato a una cinquantina di anni fa. Gli indizi ci sono proprio tutti: le tovaglie a quadrettoni lunghe fino a terra e i piatti che appartengono alla tradizione, cucinati espressi, infatti per gustarli si deve attendere un po’. Nel frattempo potete prepararvi andando a lavarvi le mani, ma pensateci bene se, ad esempio, piove o tira vento, perché la toilette è esterna.

La nostra pazienza, come anche la vostra scommetto, sarà premiata. Il nostro trofeo ha le forme, il profumo e il sapore inebriante di un antipasto a base di lardo con crostini e paté di fegato di vitella che ci dividiamo familiarmente.

I primi, invece, sono uno per uno: le preferenze si distribuiscono equamente tra la pasta con radicchio e salsiccia, e i garganelli al ragù d’agnello. Davvero non saprei quale consigliarvi: il primo se avete voglia di gustare un prodotto tipico come il radicchio che assaggiato fuori da questo territorio non sarà altrettanto soddisfacente; il secondo se preferite un sapore deciso che non dimenticherete facilmente.

I secondi, invece, sono classici ben eseguiti che non deluderanno le vostre aspettative: direttamente dall’Abruzzo arrosticini di agnello oppure, per chi non teme la carne un tantino sfilacciosa, la guancia di vitello stracotta nella birra rossa, entrambi i piatti serviti con polenta gialla alla griglia.

Non volevamo strafare, ma per accompagnare un caffè che qui preparano solo con la moka, è necessario piluccare dal tagliere di dolci che propone lingue di gatto, biscottini con gocce di cioccolato, assaggini di torta della nonna, torta di nocciole e mandorle e torta di mele, cantucci serviti con assaggino di passito.Un’interessante esperienza di fingerfood dolce per concludere un pasto davvero da ricordare.

Con il vino della casa e acqua a volontà, il conto é 30 euro a testa: anche dal punto di vista economico, ancora una volta, Slow Food non riserva cattive sorprese finali. Da provare.

Trattoria del Borgo
Via Margnan, 7
36061 – Bassano del Grappa (Vi)
Tel 0424 522155 ‎

Foto | Flickr

Vota l'articolo:
3.71 su 5.00 basato su 7 voti.  
 
 

© 2004-2014 Blogo.it, alcuni diritti riservati sotto licenza Creative Commons.
Per informazioni pubblicitarie e progetti speciali su Blogo.it contattare la concessionaria esclusiva Populis Engage.

Gustoblog.it fa parte del Canale Blogo Donna ed è un supplemento alla testata Blogo.it registrata presso il Tribunale di Milano n. 487/06, P. IVA 04699900967.