Ecco il mosto cotto e come usarlo nelle ricette dolci

Il mosto cotto è una preparazione di antiche origini. Si ottiene dalla lunga cottura del succo di uva e trova impiego in cucina in diverse ricette dolci

Ecco il mosto cotto e come usarlo nelle ricette dolci

Il mosto cotto è una preparazione tipica di diverse regioni italiane, anche se è noto in tutta la penisola sotto nomi diversi in funzione del luogo di provenienza; uno dei più conosciuti è il vin cotto. Si ottiene facendo bollire a lungo il mosto di vino fino a che questo divenga piuttosto denso; dovrà ridursi infatti di un terzo. Dal sapore molto dolce viene utilizzato in cucina in svariate pietanze. Notoriamente preparato con l'uva nera ne esiste una variante altrettanto apprezzata a base di quella bianca.

Il mosto cotto presenta una consistenza simile a quella dell'olio. Volendo prepararlo in casa dovrete procurarvi un mosto ottenuto da uva con una concentrazione di zuccheri maggiore rispetto al comune e cuocerlo appena spremuto, prima che fermenti. Viene utilizzato in diverse ricette dolci: insostituibile condimento delle cartellate, viene impiegato nella realizzazione dei biscotti pupurati ed è infine ottimo per arricchire diversi dolci al cucchiaio, come panna cotta e budini.

Ingredienti

3 lt di mosto d'uva nera

Procedimento

Versare il mosto in una pentola abbastanza capiente e dalle pareti alte. Accendere la fiamma fino a quando il composto inizia a bollire quindi abbassare la fiamma e cuocere molto a lungo, il contenuto si dovrà ridurre di un terzo ed assumere una consistenza densa, simile a quella dell'olio. Una volta raggiunto il risultato desiderato spegnere la fiamma e fare raffreddare all'interno della pentola. Quindi travasare in una bottiglia ed utilizzare a piacere.

Foto | Visit Finger Lakes

  • shares
  • Mail