Come fare per tagliare la cipolla senza piangere: metodi e trucchi facili da seguire

Lo sappiamo bene: quando tagliamo le cipolle i nostri occhi si riempiono di lacrime. C’è qualche trucco per evitare questa lacrimazione? Ecco alcuni consigli.

Come fare per tagliare la cipolla senza piangere: metodi e trucchi facili da seguire

Sappiamo bene che tagliare le cipolle senza piangere è difficile: già quando iniziamo a togliere la parte esterna, un odore irritante funge da allerta e immediatamente i nostri occhi si riempiono di lacrime. Wikipedia ci spiega perché ci lacrimano gli occhi quando affettiamo le cipolle:

Affettare le cipolle fa lacrimare gli occhi perché dei precursori presenti nel citoplasma, gli alchil o alchenil cisteina solfossidi (ACSO), dopo il taglio si combinano con la allinasi, un enzima che viene rilasciato dal vacuolo; la combinazione di questi elementi produce acidi solfenici, piruvato e ammoniaca. L'acido sulfenico, se attaccato da un secondo enzima detto Lacrimathory Factor Shyntase produce sin-propanethial-S-ossido, una molecola voltatile e idrosolubile, che è appunto il fattore lacrimogeno poiché, quando entra in contatto con l'umore acquoso presente sul bulbo oculare, si trasforma in acido solforico.

Pertanto, questo olio essenziale molto volatile viene captato dalle narici e ci fa lacrimare. Motivo per cui, se per evitare di piangere utilizzate degli occhialini ricordatevi che dovete indossare occhiali che tappino anche il naso, altrimenti è inutile.

I trucchi più utilizzati per evitare di piangere quando si tagliano le cipolle


Come fare per tagliare la cipolla senza piangere: metodi e trucchi facili da seguire

Per evitare l’emissione dell’allinasi, o perché almeno questa sia ridotta, è bene tagliare le cipolle quando sono molto fredde: in questo modo il gas è melo volatile e la nostra reazione è minore. Alcune persone, quindi, mettono la cipolla nel congelatore per un paio di minuti prima di tagliarla. Si usa anche metterle a bagno in acqua fredda, ma qui dipende dall’uso che dovete fare della cipolla: se vi serve asciutta, bagnarla completamente è inutile.

C'è anche chi consiglia di ungere leggermente il coltello prima di tagliare le cipolle: personalmente non consiglio questo trucchetto perché alla fine è un modo per variare il sapore della cipolla, visto che già in fase di taglio la condiamo con dell'olio.

Il trucco migliore per evitare di piangere quando si affettano le cipolle è avere un buon tagliere, un coltello ottimamente affilato e tagliare le cipolle con una buona tecnica. È importante anche stare abbastanza distanti dal coltello che affetta (quindi non vi chinate sulla cipolla, che è peggio) e parimenti è bene non stare in mezzo alle correnti, altrimenti gli elementi volatili ci raggiungeranno lo stesso.

È bene usare un coltello di una dimensione giusta, tenendo presente che i coltelli grandi riescono a tagliare i diversi strati della cipolla senza frantumarne la polpa e, in questo modo, i succhi non vanno a irritare le nostre mucose.

Inoltre è bene sapere che taglio dobbiamo fare (se fettine, anelli, cubetti e via dicendo) ed essere bravi nel farlo in maniera veloce perché, così le emissioni saranno minori. Ovviamente questo significa esercitarsi.

Infine, c’è un metodo infallibile: se non volete piangere quando tagliate le cipolle… fatele tagliare a un’altra persona!

Foto | Chris GladisNikita Kravchuk

  • shares
  • Mail