La ricetta del carcerato pistoiese, il piatto della tradizione

Il carcerato pistoiese è un piatto tipico toscano e in particolare della zona di Pistoia: la sua ricetta prevede l'utilizzo delle interiora del vitello, in aggiunta al pane raffermo che eventualmente ci è avanzato dal giorno precedente. Ecco come si realizza.

carcerato pistoiese

Il carcerato pistoiese è una ricetta tipica della Toscana. E' una pappa, che si realizza mescolando il pane raffermo con il brodo di carne realizzato con le interiora del vitello e con i classici aromi che si mettono del brodo. Si cuoce e si serve nel coccio, per mantenere i sapori di una volta, in accompagnamento o meno di parmigiano e pecorino grattugiato e pepe nero.

La ricetta del carcerato pistoiese è nata nel carcere di Santa Caterina in Brana di Pistoia, da qui il nome che viene dato al piatto: il carcere si trovava di fianco ai macelli comunali, che fornivano alla prigione gli scarti della macellazione da dare a detenuti e secondini, per un piatto più ricco rispetto al classico pane e acqua. Da qui la nascita di un piatto della tradizione toscana poco conosciuto fuori dai suoi confini.

Ecco come si prepara il carcerato pistoiese.

Ingredienti del carcerato pistoiese


    300 grammi di pane raffermo
    300 grammi di interiora di vitellone
    cipolla
    carota
    sedano
    pomodori
    pecorino grattugiato
    olio extra vergine di oliva
    sale
    pepe

Preparazione del carcerato pistoiese

Preparate un brodo di carne con le interiora e con tutti gli odori, versandoli in 1 litro e mezzo di acqua. Fate cuocere molto a lungo.

Filtrate il brodo di carne e versatelo ancora caldo in un tegame di coccio, insieme alle fette di pane. Salate, pepate e fate cuocere lentamente, mescolando di tanto in tanto, per rendere il tutto più omogeneo.

Versate il composto così ottenuto in delle scodelline di coccio, condite con olio extra vergine di oliva e spolverate con pecorino grattugiato (va bene anche il parmigiano in alternativa).

Via | Piattitoscani

Foto | da Pinterest di Vetrina Toscana

  • shares
  • Mail