La farinata di cavolo nero, ecco la ricetta della zuppa autunnale

Un’ottima ricetta toscana per affrontare i primi freddi

A leggere questa ricetta tipica del Senese, viene proprio voglia che faccia freddo: una di quelle belle serate uggiose, con i vetri delle finestre rigate di pioggia e noi dentro che a cena ci gustiamo un bel piatto di zuppa… è un vero trionfo di sapori toscani doc questa farinata di cavolo nero che innanzitutto si prepara, appunto, con la varietà cosiddetta ‘nera’ del cavolo, reperibile quasi solo in Toscana (ha le foglie verde cipresso), poi ci sono l’olio e naturalmente il pecorino, che pur non essendo ingredienti essenziali, comunque se scelti nel territorio certamente renderanno la zuppa più simile all’originale.

Ingredienti


  • 1 cavolo nero
  • 1 cipolla
  • 1 spicchio d’aglio
  • qc fetta di mortadella
  • 1 bella spolverata di pecorino grattugiato
  • olio extravergine d’oliva toscano q.b.

  • Procedimento


    Tritare insieme aglio e cipolla e con questi iniziare il soffritto nell’ottimo olio toscano. Quando entrambi saranno imbionditi, unite la mortadella che avrete sminuzzato senza togliere i grani di pepe. Su questo soffritto ponete il cavolo a fettine dopo averlo ben pulito e mondato, fatelo rosolare per alcuni minuti, poi trasferite tutto in un tegame e aggiungete acqua salata un po’ per volta fino a cottura. Tutti gli ingredienti dovranno essere sempre ben coperti per una buona riuscita della zuppa che non deve venire troppo brodosa, ma neppure troppo asciutta. Quando sarà pronta servitela in piatti fondi su cui avrete sistemato una bella fetta di pane abbrustolito e polverizzate con il pecorino.

    Foto | fugzu

    • shares
    • Mail