La ricetta dei necci toscani con la ricotta

Uno spuntino rustico che viene dalla cucina tradizionale della montagna pistoiese

In Toscana molte specialità prevedono la farina di castagne come ingrediente principale, ma occhio a non confondere la ricetta dei necci dolci con quella del castagnaccio, a metà tra dolce e salato, anche se in definitiva il nome stesso ‘necci’ proviene da ‘castagnecci’, cioè gnocchi dolci di castagne. Sono un cibo povero, che i contadini consumavano accompagnandolo con quello che c’era: in mancanza di meglio addirittura con la polenta, ma certo oggi noi siamo davvero fortunati perché la ricotta non è più un lusso! Provateli anche nella loro versione salata (che è uguale) accompagnandoli magari con affettati o altri formaggi di zona come la finocchiona o il pecorino.

Ingredienti


  • 100 g di farina di castagne
  • 1 bicchiere di latte scarso
  • acqua q.b.
  • 200 g di ricotta
  • zucchero
  • Procedimento


    Impastate un pugnetto di farina per volta con un goccio di latte o poca acqua (se preferite anche solo latte). Una volta ottenuto un impasto morbido, stendetelo il più sottile possibile, quasi fosse una crèpe, quindi cuocetelo tra due pietre roventi oppure, in mancanza di meglio, su una griglia di quelle che si chiudono, circa un paio di minuti per lato. A questo punto farcite i necci con abbondanti cucchiaiate di ricotta che avrete lavorato con lo zucchero, arrotolateli e mangiateli caldi, magari accompagnati da un bicchiere di buon vino sincero.

    Foto | Jeremy Cherfas

    • shares
    • Mail