Una famiglia in cucina: il libro con le migliori ricette di Luisanna Messeri

Luisanna Messeri è in libreria con un ricettario del tutto particolare: attraverso la storia della propria famiglia presenta circa trecento ricette inedite.

Luisanna Messeri, Una famiglia in cucina, la mia Ognuno di noi è unico e irripetibile ma racchiude in sé la storia delle generazioni che lo precedono che poi, a sua volta, tramanda a quanti verranno dopo. Attorno a questa semplice – e al tempo stesso profonda – evidenza ruota il nuovo libro di Luisanna Messeri, in libreria per Vallardi. Il titolo di questo speciale ricettario è Una famiglia in cucina, la mia. In sovraccoperta leggiamo: I piatti della mia vita: 280 ricette inedite, le più buone, condite con il filo della memoria.

Luisanna Messeri – che conosciamo grazie alla sua presenza fissa alla Prova del cuoco (anche se personalmente ho amato molto di più il suo programma Il club delle cuoche, soprattutto l’edizione con Lucia Poli, sorella di Paolo), ma, non dimentichiamo, è fa parte dell’Accademia Italiana della Cucina e nel 2007 ha ricevuto il premio Marietta conferitole da Casa Artusi – Luisanna Messeri, dicevamo costruisce il suo libro riannodando i fili della memoria: si parte dalla nonna, si passa alle zie e poi alla mamma. Ma c’è anche il papà, (che quando si parla di cucina sembra essere il grande assente, ma sappiamo che non è così), in un capitolo dal titolo La non-cucina del babbo, ovvero in cucina tutto fa brodo.

Poi la vita va avanti, si cresce si forma una famiglia propria e allora ecco prima di tutto la cucina “mia”, quella che ognuno crea e gestisce a propria immagine e somiglianza e poi interviene la cucina della suocera. La vita però è fatta anche di partenze, di addii, di morti: e Luisanna Messeri, con delicatezza, traccia anche questo capitolo nel suo libro. Infine le nostre esperienze le trasmettiamo ai figli che continueranno sulla loro strada ma avranno sempre con sé quello che noi abbiamo insegnato loro (e a tal proposito è geniale l’idea di come è costruito il capitolo in cui si parla dei figli: ogni paragrafo è il titolo di un celebre libro di cucina, un po’ come la vita dei nostri figli – ma anche la nostra – è un insieme delle cose che sono accadute prima di noi). Infine l’autrice allarga gli orizzonti invitando tutti – anche noi che leggiamo – a entrare in cucina e a dilettarci tra i fornelli.

Se questa, a grandi linee, è l’ossatura del libro, bisogna tener presente che tra le pagine pulsa la vita. Nel capitolo sulla cucina della mamma, per esempio, Messeri confida di avere pochi ricordi perché sua madre è morta quando lei era piccina.

Dando uno sguardo alle ricette, poi, questo ricettario si trasforma in una sorta di storia del costume gastronomico dell’Italia: si va dal pane strusciato col pomodoro della cucina della nonna, alle foglie di cavolo e tofu della cucina dei figli, per passare dal risotto all’arancia (cucina delle zie), ai nidi di patata della mamma, alla torta di frittata del babbo, al baccalà marinato della suocera e, naturalmente, alle ricette di Luisanna Messeri come, per esempio, gli involtini belli pesi.

Circa trecento ricette in questo libro di “cucina autobiografica” che saranno le stimolo per ognuno di noi a mettersi ai fornelli con maggiore consapevolezza, magari anche cercando di ricostruire la propria storia attraverso quello che mangiamo ogni giorno.

Luisanna Messeri
Una famiglia in cucina, la mia
Vallardi, 2013
pp 272, euro 14,90

  • shares
  • Mail