Si fa presto a dire insetto. Marco Ceriani e il mondo dell'ento-gastronomia

Un eBook che propone i vantaggi di nutrirsi di insetti. C’è, però, un grosso problema di fondo, a mio modo di vedere.

Si fa presto a dire insetto. Marco Ceriani e il mondo dell'ento-gastronomiaMarco Ceriani, esperto di benessere e nutrizione, ha pubblicato in eBook con GoWare un libro dal titolo Si fa presto a dire insetto. L’argomento del libro è chiaro fin da subito: Ceriani propone come alimentazione del futuro quella basata sugli insetti che rappresentano una fonte di proteine a buon mercato, oltre a essere un cibo sano, nutrizionalmente completo e rispettoso dell’ambiente. Secondo Ceriani gli insetti sono il nuovo business del cibo, al pari del sushi negli anni Novanta, con in più un aspetto non secondario: quello, cioè, della sostenibilità.

A mio modo di vedere, però, in questo eBook c’è un grosso problema di impostazione di base che l’autore non riesce a risolvere. Non mi riferisco alla repulsione che si può avere nel mangiare un insetto (lo si faceva in passato anche da noi, lo si fa in molte zone del mondo e probabilmente un domani si estenderà tale tipo di nutrizione) quanto all’impianto che soggiace alla stesura dell’eBook. Ceriani, infatti, per farci superare le resistenze a nutrirci con insetti, tende a renderceli amici parlando di loro dal punto di vista culturale (come, cioè, sono stati visti nelle varie culture, con un particolare focus sull’arte) e dal punto di vista dell’organizzazione stessa degli insetti stessi. Riporta, quindi, esempi di laboriosità degli insetti, ci illustra i metodi che utilizzano per superare i problemi e per organizzare la loro vita quotidiana (cito: “Gli insetti sono capaci di progettare strutture molto complesse, come ad esempio le reti da pesca, che a torto sono considerate un’invenzione umana”; oppure il titolo del paragrafo: Insetti: creature magiche e poetiche). Insomma, ci mette dinanzi degli esseri viventi dotati di intelligenza e poi… poi si chiede “cosa sono”. Dopo tutta l’enumerazione delle doti degli insetti, la domanda corretta da porsi sarebbe “chi” sono e non “cosa” sono, ma in questo modo ci si troverebbe dinanzi alla questione cruciale: si sta proponendo di mangiare qualcuno!

Chi scrive non nasconde le proprie simpatie per lo stile di vita vegana e per l’antispecismo. In tutta onestà, non riesco a capire come si possano scrivere pagine e pagine sull’intelligenza degli insetti, sul loro vivere in pienezza e poi proporre di cucinarli (con tanto di ricette a fine libro o anche con consigli su come allevarli in casa in modo da averli sempre disponibili alla bisogna). Non c’è alcuna necessità di uccidere esseri viventi e, soprattutto, non c’è necessità morale di compiere una simile uccisione.

Marco Ceriani
Si fa presto a dire insetto
La nuova era del cibo. Sulle nostre tavole qualcosa di nuovo eppure antico
goWare, 2013
eBook, euro 4,99

  • shares
  • Mail