Bake Off Italia: le ricette e gli errori dei concorrenti nella puntata finale del 3 gennaio 2014

La prima edizione di Bake Off Italia è giunta al termine: con la puntata di venerdì 03 gennaio 2014, infatti, è stato decretato il vincitore. Andiamo a scoprire chi è il miglior pasticcere amatoriale e quali sono state le prove dell'ultima puntata.

Bake Off Italia finalisti

Tre i finalisti di Bake Off Italia: la prima edizione del programma televisivo, in onda ogni venerdì in prima serata su Real Time a partire dalle 21.10, ha stabilito che la rosa di papabili vincitori doveva essere formata da Emanuele, Lucia e Madalina. Chi avrà vinto lo show condotto da Benedetta Parodi?

Dopo l'eliminazione della giovanissima Elisa dalle semifinali di Bake Off Italia, sono rimasti in tre: il manager milanese Emanuele, l'artista genovese Lucia e la mamma perugina Madalina. Anche nella puntata finale di Bake Off Italia i tre chef rimasti in gara sono stati messi alla prova dai giudici, Ernst Knam e Clelia d'Onofrio, e sono stati accompagnati in questa avventura da Benedetta Parodi.

Nella finale di Bake Off Italia la prova di creatività ha proposto un grande classico della tradizione gastronomica dolciaria, mentre la prova tecnica è stata di nuovo caratterizzata da una ricetta di Knam rivisitata e corretta da lui. Infine, il cavallo di battaglia della prova finale, per dimostrare veramente di che pasta sono fatte.

Scopriamo allora insieme che cosa è successo nella finale di Bake Off Italia!

Prova di creatività, la cassata siciliana

I tre finalisti devono realizzare la cassata siciliana. E' un dolce classico e abbastanza facile, la farcitura è con ricotta di pecora e un giusto equilibrio con gli zuccheri. I concorrenti dovranno stupire i due giudici. La cassata siciliana ha origini arabe, ma è nel periodo barocco che assume i colori della frutta candita che ora la decorano.

Madalina prepara bagna, pan di Spagna e pasta di mandorle: per lei mini cassate con bagna all'arancia e pasta di mandorle e una ghiaccia per decorare. Lucia osa con dei tramezzini con farina di mandorla, farcia di ricotta di pecora. Emanuele, infine, prepara un dolce osando con una forma innovativa.

L'idea di Lucia del tramezzino piace molto, ma manca il verde: magari poteva colorare una parte di pan di Spagna di verde. Manca un po' la cremosità della ricotta, ma complessivamente è stata un'ottima prova. Madalina prepara un dolce che a prima vista non sembra una cassata siciliana, ma è un piatto molto carino. Anche qui c'è poca crema e troppo marzapane. Emanuele presenta delle cassate in forme molto strane e manca del tutto il sapore della crema di ricotta, anche se il profumo è buono.

Prova tecnica, mousse ai tre cioccolati

La mousse ai tre cioccolati è nata all'apertura del negozio di Knam e ancora oggi è una delle più richieste. E' semplice, ma bisogna fare molta attenzione alle insidie. E' una mousse a tre strati: fondente, al latte, bianco, pan di Spagna al cacao. Il cioccolato deve essere sciolto a bagnomaria in maniera ottimale. Il profumo è avvolgente e lascia un retrogusto leggermente amaro.

Madalina ha avuto problemi a solidificare gli strati precedenti, mescolando troppo le mousse. Forse ha avuto un po' troppa fretta o ha voluto giocare troppo con le altezze. Le concorrenti hanno avuto anche dei problemi con i riccioli di cioccolato. Madalina ha creato una torta che, rimanendo fuori dal frigo, ha cominciato a colare in attesa dei giudici. Si è praticamente squagliata, mentre quella di Lucia è rimasta intatta.

Per Knam sono due belle torte, una a forma di fungo e una più dritta, quella di Lucia, con decorazioni strane e pesanti e non hanno la leggerezza del riccio di cioccolato. Gli strati non sono uniformi. La torta di Madalina scivola giù, forse a causa del poco tempo a disposizione o dell'utilizzo dell'abbattitore. Knam sottolinea che sia buona, ma non l'avrebbe mai messa in vendita. La torta di Lucia è perfetta di forma e aspetto, è morbida e si distinguono le tre gradazioni del cioccolato. Il suo dolce si avvicina molto all'originale.

Sfida finale, il cavallo di battaglia

In due ore le due finalisti devono preparare il dolce che secondo loro viene perfettamente e hanno avuto una notte per pensarci. Si tratta di due dolci che parlano delle due pasticcere amatoriali: Lucia prepara una torta al cioccolato ripiena con marmellata di lamponi e rivestita con gelatina e colori. Madalina prepara il Dolce Capriccio, un pan di Spagna al cacao con doppia farcitura al pistacchio e alla crema pasticcera.

Con la marmellata di lamponi bisogna fare attenzione, perché se durante la raccolta è entrata un po' di acqua dentro crea una muffetta che può rovinare tutta la confettura. Madalina usa l'isomalto, uno zucchero per diabetici perfetto per le decorazioni che per lei però è stata la prima volta. Madalina ha avuto dei problemi con la crema ganache: si è solidificata troppo e allora l'ha fatta sciogliere un po' nel microonde.

La torta di Lucia è artisticamente molto bella secondo Knam, l'aspetto è molto invitante, i colori si fondono benissimo, si sente bene il lampone, però si sentono troppo i grumi della glassa. E' una torta molto semplice, forse un po' troppo. La torta di Madalina tecnicamente è stata molta studiata, una torta all'antica, classica: il pan di Spagna è soffice, decorando con pistacchi tostati e caramellati. E' una torta molto leggera nonostante l'aspetto. E' molto cremosa.

Vincitore di Bake Off Italia

Tra Emanuele, Lucia, Madalina ad aggiudicarsi la prima edizione del concorso e il titolo di miglior pasticcere amatoriale, oltre alla possibilità di pubblicare un libro di ricette, è stata Madalina. Nella prova creativa a risultare ultimo è stato Emanuele, che ha dovuto abbandonare la gara prima di accedere alla prova tecnica.

  • shares
  • Mail