Cinema e curry: i piatti della cucina indiana nei film

Colori e sapori indiani incantano il cinema occidentale

a:2:{s:5:"pages";a:6:{i:1;s:0:"";i:2;s:21:"Amore, cucina e curry";i:3;s:8:"Lunchbox";i:4;s:15:"Monsoon Wedding";i:5;s:15:"The Millionaire";i:6;s:16:"Sognando Beckham";}s:7:"content";a:6:{i:1;s:994:"

La presenza di Bollywood nelle sale cinematografiche d’Occidente, e quindi anche in quelle italiane, è ormai una consuetudine, che ha contribuito a portare sul grande schermo (e quindi anche nelle nostre abitudini) le specialità della cucina indiana. Prima di queste fortunate pellicole, infatti, per i più la tradizione gastronomica di questo grande Paese orientale scoloriva nel giallo tipico che conferisce alle pietanze il curry, ma di piatti non se ne conosceva neppure uno; oggi, invece, grazie alla globalizzazione cinematografica, chi non sa preparare un pollo al gran masala?

cinemacurryindiano

Ripercorriamo insieme i film che hanno svelato al mondo i trucchi della cucina indiana, a partire da due grandi successi usciti nel 2014:

";i:2;s:758:"

Amore, cucina e curry

Arriverà al cinema a ottobre questa gustosa commedia diretta dal genio premio oscar Lasse Hallström: è la storia della chef pluristellata Michelin Mallory che è sempre più preoccupata per la vicinanza del suo ristorante con il bistrot indiano gestito da una famiglia appena trasferitasi in Francia. Qui lavora il giovane e talentuoso Hassan, che Mallory prenderà sotto la sua ala protettrice iniziandolo ai segreti della cucina francese, ma… anche Hassan le rivelerà qualche trucco su come preparare un curry – quello del titolo – davvero perfetto.

";i:3;s:847:"

Lunchbox

È fortissima in India l’usanza di far recapitare in ufficio il pranzo per la pausa: qui siamo a Mumbai, dove oltre 500 dabbawallah (fattorini) non sbagliano un colpo. Una volta su un milione, però, accade, e così il pranzo preparato dalla casalinga Ila per il marito che la trascura un po’, finisce per errore sulla scrivania di Saajan, vedovo alla soglia della pensione che crede di non aver più nulla da chiedere alla vita. Dal momento che Ila, nonostante si sforzi a sfornare quotidianamente manicaretti per il marito (come assaggerei il suo pollo tandoori!) non riceve feedback dal marito, capisce che qualcosa non va e inizia a inserire nel lunchbox dei messaggini ai quali Saajan inizierà a rispondere…

";i:4;s:718:"

Monsoon Wedding

Il film racconta l’attesa per il matrimonio – ovviamente combinato, secondo cultura – tra due famiglie dell’alta borghesia indiana, una emigrata negli usa e l’altra rimasta in patria, ma anche l’attesa per la pioggia monsonica, energetica e purificatrice. Così, tra l’eccitazione dei preparativi e la goliardia dell’atmosfera pre-nozze, c’è spazio anche per riflessioni più serie sul passato, per bilanci nel presente e timori per il futuro. Ovviamente si parla di matrimoni, e in India sanno farli alla grande, quindi certamente avranno fatto parte del pranzo di nozze piatti strepitosi e raffinati come i gamberoni al curry con mango chutney.

";i:5;s:1090:"

The Millionaire

Ben 8 statuette dell’Academy Awards si aggiudicò questo film del regista Danny Boyle che parla, in estrema sintesi, di un sogno che si realizza. Jamal è nato e cresciuto nelle baraccopoli, ma ora è lì nello studio del Milionario, il programma televisivo più esportato nel mondo, e c’è solo l’ultima domanda a separarlo dall’agognato montepremi di un milione di rupie. Ma la cattiveria è in agguato e prima che possa vincere, viene arrestato e interrogato dalla polizia che non si capacita di come un emarginato come lui possa sapere tutte le risposte. Allora, in un unico grande flashback, Jamal ripercorre a ritroso la sua vita sfortunata di bambino prima e ragazzo poi di strada, dove davvero s’imparano tutte le risposte utili nella vita. Il suo bagaglio di esperienze gli tornerà tutto utile, compreso quando da piccolo, per sopravvivere, rubava qualche chapati - l’ottimo pane indiano – nelle bancarelle del mercato.

";i:6;s:1281:"

Sognando Beckham

Ha ormai 12 anni questa gradevolissima commedia, tra le prime fusion fra cinema indiano ed europeo (britannico nel caso specifico) che ha iniziato a far conoscere l’India qui da noi. La protagonista è Jess, una ragazza indiana che è emigrata a Londra con la sua famiglia e di nascosto da questa – con idee fin troppo tradizionaliste – pratica il calcio (uno sport da uomo!) e sogna, appunto, di diventare brava e famosa come la star del Manchester United. I suoi genitori, però, la pensano diversamente: Jess deve pensare a sposarsi con un buon partito, ovviamente indiano, e per trovarlo deve trascorrere il suo tempo libero a perfezionarsi ai fornelli nel preparare le ricette tradizionali della sua terra, come la freschissima bevanda al mango, il lassi.

Foto | sara marlowe
";}}

  • shares
  • Mail