Gli agrumi nella dieta: perché è importante consumarli?

Gli agrumi non devono mai mancare sulle nostre tavole: vi spieghiamo il perché

Gli agrumi sono un gruppo di alimenti tra i quali troviamo l’arancia, il pompelmo, i mandarini, il limone e il lime. Solitamente li si associa alla vitamina C ma, senza dubbio, gli agrumi hanno anche altro da offrire. Sono, per esempio, fonte di importanti minerali come il potassio, il magnesio e il calcio: i primi apportano benefici al sistema nervoso e muscolare, mentre l’ultimo è un gran alleato di ossa e denti.

Gli agrumi, inoltre, sono una fonte di vitamine del gruppo B, tra cui c’è l’acido folico, essenziale durante la gravidanza per prevenire malformazioni del feto, come anche per evitare anemie nutrizionali. Allo stesso tempo, contengono vitamina A e carotenoidi, che apportano benefici per la salute della pelle e della vista.

Se non basta, ricordiamo che negli agrumi troviamo un altro contenuto di acqua come anche molta fibra, il che fa sì che siano alimenti ideali quando cerchiamo di perdere peso, visto che hanno poche calorie in rapporto al volume del frutto in sé. Infine non dobbiamo dimenticare che in tutti gli alimenti di origine vegetale troviamo fitonutrienti che hanno vari effetti sul nostro organismo, e tra gli agrumi occupano un posto rilevante i flavonoidi, associati, tra l’altro, a un minor rischio cardiovascolare e alla cura della salute del cervello.

Come consumare gli agrumi? I modi sono veramente tanti: mangiarli per esempio a colazione, a merenda o come spuntino salutare è un ottimo modo. Ma possiamo anche utilizzarli per realizzare dolci o marmellate come anche gelati. Il succo degli agrumi può essere lodevolmente utilizzato per marinare carni o come base per le salse, ma anche essere bevuto così al naturale (preferibilmente senza zuccheri aggiunti). Non dimentichiamo, poi, che con le arance, ma anche con i limoni e i pompelmi, si possono realizzare delle ottime insalate.

Agrumi

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail