Expo 2015: la Cina affronta il tema “Terra di speranza, cibo per la vita”

16 Gennaio 2015

Expo 2015 – La Cina, a cui tutto il mondo guarda sempre più con interessa e timori – sarà presente all’Expo di Milano con un proprio padiglione che avrà per tema Terra di speranza, cibo per la vita. Alla base del Padiglione c’è un concept molto interessante: la terra nutre l’uomo dalle origini, la speranza è la prospettiva di un futuro in cui il cibo consenta la vita di tutti.

Spiegano gli ideatori del concept:

Lo scopo è ricordare la convinzione della filosofia cinese che “l’uomo è parte integrante della natura”, illustrare le tradizioni culturali e i progressi nei campi dell’agricoltura, presentare i grandi passi compiuti nell’uso razionale delle risorse per assicurare cibo a sufficienza, buono e salutare. Il filo conduttore è la ricerca di equilibrio tra gli esseri umani e l’ambiente, tra l’umanità e la natura. Il filo conduttore è la ricerca di equilibrio tra gli esseri umani e l’ambiente, tra l’umanità e la natura.

Il padiglione si snoda attorno a tre punti principali:

  1. Il dono della natura: illustra il processo del raccolto secondo il calendario cinese lunisolare e i cinque colori del suolo.
  2. Cibo per la vita: mostra il percorso produttivo del cibo, del tofu e di altri piatti, le Otto famose scuole di cucina cinese, la cultura del tè.
  3. Tecnologia e futuro: documenta i progressi scientifici, tra cui il riso ibrido del professor Yuan Longping, il riciclo in agricoltura, le tecniche per la tracciabilità, l’Internet delle cose.

La cucina cinese, come ben sappiamo, è una delle più grandi del mondo ed è basata du tre principi cardine:

  • la povertà diffusa, che ha portato alla cottura nel wok;
  • la compenetrazione tra filosofia, arte e alimentazione, motivo per cui in cucina va rispettato sempre l’equilibrio tra lo yin e lo yang;
  • l’elaborata cucina imperiale, con un bagaglio di tre millenni, che ancora oggi fa nascere cuochi attenti Al creare piatti sempre nuovi e ricette spesso fantasiose.
I Video di Gustoblog: La ricetta del petto d’anatra glassato al miele con i carciofi