Expo 2015: il cioccolato, cibo degli dei e degli uomini

Expo 2015 e il cacao: un connubio senza dubbio dolce e interessante, che verrà declinato in maniera diversa a seconda delle varie tradizioni gastronomiche

a:2:{s:5:"pages";a:4:{i:1;s:0:"";i:2;s:27:"Biscotti alle fave di cacao";i:3;s:30:"Petto d’anatra al cioccolato";i:4;s:45:"Biscotti rustici con cacao, quinoa e cannella";}s:7:"content";a:4:{i:1;s:2062:"

Expo 2015 abbraccia il sapore e il gusto del cacao e del cioccolato che potremo trovare declinato in vari modi a seconda dei padiglioni e delle tradizioni enogastronomiche dei singoli paesi partecipanti all’Esposizione Universale di Milano.

Il cacao è un albero originario dell’Amazzonia e oggi coltivato in tutta la fascia equatoriale dell’Africa e dell’Asia per i suoi semi, da quali si ottiene la polvere con cui si fabbrica il cioccolato. La qualità del cacao è valutata in base alla ricchezza di grassi e alle caratteristiche aromatiche: i tipi di cacao più pregiati provengono dall’Ecuador, dalla Costa d’Avorio e dal Togo. Cacao viene prodotto anche in Camerun, a Cuba, nel Gabon, in Ghana e a Sao Tomé Principe.

Secondo la legge italiana abbiamo il cacao in polvere (con un contenuto di grassi superiore al 20%) e il cacao magro in polvere (di contenuto inferiore). Per quel che riguarda il cioccolato (che è un alimento composto da cacao e zuccheri), la normativa in vigore prevede che abbia minimo 35% di cacao, di cui non meno del 18% di burro di cacao (è detto puro, se contiene solo burro di cacao e non altri grassi). Le principali varietà di cioccolato sono:


  • fondente: solo cacao e zucchero;

  • al latte: se nell’impasto compare il latte;

  • gianduia: se arricchito di pasta di nocciole.

Poi per quel che riguarda la qualità lo abbiamo fine, finissimo ed extra. C’è anche il cioccolato bianco, ma è un uso improprio del termine cioccolato dal momento che non contiene cacao.

Ma come viene usato il cacao e il cioccolato intorno al mondo? Vediamo un po’ di ricette particolari.

Expo2015 - cioccolato

";i:2;s:1292:"

Biscotti alle fave di cacao

Ecco dei biscotti molto gustosi che, grazie alla presenza delle fave di cacao avranno un sapore leggermente amarognolo. Gli ingredienti per 4 persone sono i seguenti:


    70 g di farina di farro
    60 g di fiocchi d’avena
    50 g di zucchero
    50 g di avena
    40 g di nocciole
    30 g di cacao amaro
    10 pezzi di fave di cacao
    lievito per dolci
    olio extravergine di oliva

Procedimento

Tritate grossolanamente l’avena, le nocciole e le fave di cacao e versateli in una terrina con i fiocchi di farro, quelli di avena, la farina di farro, il lievito e il cacao versatevi 100 gr di acqua tiepida, un cucchiaio di olio e lo zucchero e mescolate per bene il tutto con un cucchiaio di legno, fino a ottenere un impasto che risulterà abbastanza duro. Fate riposare in frigo per almeno un’ora.

Trascorso il tempo di riposo, stendete l’impasto tra due fogli di carta da forno, avendo l’accortezza di bagnare leggermente con acqua nel caso in cui si sfaldasse troppo durante la lavorazione. Dovrete ottenere un impasto alto circa 4 millimetri, da cui andrete a ricavare di biscotti con il coppapasta (ma va bene anche un bicchiere).

Infornate per 10-15 minuti in forno preriscaldato a 180 gradi.

";i:3;s:1716:"

Petto d’anatra al cioccolato

Abbinare il cioccolato alla carne è una pratica diffusa in molte parte: se ben preparata si tratta di un piatto veramente saporito. Vi proponiamo il petto d’anatra al cioccolato, ma potete sostituire l’anatra con il pollo o il tacchino o anche con una fetta di muscolo di grano. Per 4 persone ci occorrono questi ingredienti:


    400 g di petto d’anatra
    200 g di cioccolato fondente
    100 g di cipolla
    60 g di uva passa
    40 g di arachidi pelate
    40 g di mandorle tostate
    40 g di zucchero
    4 cucchiaini di garam masala
    2 chiodi di garofano
    1 banana
    1 cucchiaino di cannella
    1 cucchiaino di cumino
    1 cucchiaino di peperoncino in polvere
    brodo vegetale
    olio extravergine di oliva
    sale

Procedimento

Mettete i petti d’anatra in una pirofila con un filo d’olio e il sale, coprite con un foglio di alluminio e mettete in forno per un’ora a 160 gradi.

Nel frattempo preparate la salsa al cioccolato: mettete le arachidi e le mandorle in una casseruola dal fondo spesso, unite un giro d’olio e tutte le spezie e fate cuocere per un paio di minuti a fuoco molto basso. Aggiungete lo zucchero e mescolate, quindi unite la banana fatta a pezzetti e l’uva passa fatta rinvenire in acqua tiepida. Mescolate e unite il cioccolato sciolto a bagnomaria; quindi infine unite un mestolo di brodo. Quando bolle abbassate la fiamma al minimo e lasciate cuocere ancora per 10 minuti, avendo cura di mescolare. Quindi spegnete e regolate di sale. Passate la salsa ottenuta al mixer per farla diventare molto cremosa.

Tagliate il petto d’anatra a fettine e servite accompagnando con la salsa al cioccolato.

";i:4;s:1058:"

Biscotti rustici con cacao, quinoa e cannella

Una ricetta semplice e saporita, resa croccante dalla presenza della quinoa e profumata per via della cannella. Per 4 persone, ecco gli ingredienti:


    120 g di farina integrale
    100 g di farina bianca
    100 g di latte
    100 g di quinoa
    80 g di zucchero
    40 g di cacao in polvere
    40 g di uva sultanina
    80 ml di olio extravergine di oliva
    1 cucchiaino di cannella

Procedimento

Lessate la quinoa in acqua non salata per un quarto d’ora e comunque fino a quando non sarà morbida, scolatela e lasciatela raffreddare.

Nel frattempo in una ciotola mescolate le due farine con la cannella, il cacao e lo zucchero: amalgamate tutto per bene e unite la quinoa, il latte e l’olio. Alla fine, dopo aver mescolato per bene, unite l’uvetta.

Create delle quenelle con l’impasto (ma vanno bene anche delle palline) e adagiatele sulla placca da forno, non troppo vicine. Infornate a 180 gradi per circa 20 minuti, sfornate e lasciate raffreddare.";}}

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail