Expo 2015 e i sapori della cucina mediterranea

Expo 2015 si focalizza sulla cucina mediterranea con un settore dedicato ai paesi che sul mar Mediterraneo si affacciano

a:2:{s:5:"pages";a:5:{i:1;s:0:"";i:2;s:33:"L’hummus di ceci dall’Algeria";i:3;s:31:"I pomodori caramellati egiziani";i:4;s:30:"La Tunisia e il couscous saffa";i:5;s:46:"L’insalata di bulgur e prezzemolo dal Libano";}s:7:"content";a:5:{i:1;s:2305:"

Expo 2015 racconta lo spirito della cucina mediterranea, il valore e il significato dell’incontro, della compresenza e dell’integrazione: la narrazione – leggiamo sul sito dell’Esposizione Universale di Milano – coincide con la storia di Paesi e popoli ed evoca un’atmosfera fatta di colori, sapori e odori miscelati in un’esperienza culturale unica.

Del resto, il mar Mediterraneo unisce tre continenti (Europa, Africa e Asia) e, in quanto tale, diventa quasi una grande regione in cui storie, società e ambienti naturali si fondono. Nelle culture del mar Mediterraneo è il pasto non è solo qualcosa di necessario per vivere, ma è rivestito di profondi significati culturali che si riflettono sulla vita della società, anche nei modi di dire, di relazionarsi agli altri, di rilassarsi. Non è certo un caso che anche al giorno d’oggi, gli abitanti del bacino mediterraneo spendono più tempo nel preparare e nel consumare i cibi di qualsiasi altro popolo.

Non possiamo certo tacere qui l’importanza della dieta mediterranea che, sfidando secoli e mode, continua a essere un caposaldo nella vita di molti popoli, vita non solo gastronomica, ma socio-culturale.

A Expo 2015 le cucine del bacino del mediterraneo sono raccolte in un progetto più ampio:

ispirato all’immagine della città del Mediterraneo e si sviluppa attorno a una grande piazza semicoperta che ospita quattro strutture dedicate alla distribuzione di prodotti tipici di quest’area geografica.

Guardiamo, allora, alcune ricette di questa zona del momento, soffermandoci su proposte che vengono dall’Algeria, dall’Egitto, dalla Tunisia e dal Libano.

cinemadietamediterranea

";i:2;s:1438:"

L’hummus di ceci dall’Algeria

L’hummus – o crema di ceci – è un piatto molto noto della cucina araba in generale. Hummus in arabo indica i ceci e la prima testimonianza scritta di questo piatto la troviamo in un ricettario egiziano del XIII secolo. Vediamo come fanno l’hummus di ceci in Algeria. Gli ingredienti per quattro persone sono:


    300 g di ceci
    2 cucchiai di tahin (crema a base di semi di sesamo)
    2 limoni (solo il succo)
    2 spicchi di aglio
    1 cucchiaino di cumino
    1 cucchiaino di curcuma
    prezzemolo tritato
    olio extravergine di oliva
    sale

Procedimento

Fate ammorbidire i ceci in acqua fredda per 24 ore, quindi sciacquateli, scolateli e fateli cuocere per un’ora; scolateli di nuovo e teneteli da parte.

Scaldate 3 cucchiai di olio in una padella, unite l’aglio sbucciato e le spezie, mescolate e aggiungete i ceci; lasciate cuocere per 5 minuti.

Trasferite il tutto in un mixer, aggiungendo il succo di limone, il tahin e un pizzico di sale; frullate aggiungendo altro olio a filo in modo da ottenere una crema soffice e omogenea.

Mettete l’hummus ottenuto in ciotole, spolverate con prezzemolo e servite con pane arabo.

";i:3;s:881:"

I pomodori caramellati egiziani

Un grande classico egiziano: i pomodori caramellati. Si tratta di una ricetta semplice che può essere aromatizzata aggiungendo dell’origano e dell’olio all’aglio. Ma vediamo come preparare questa prelibatezza. Per 4-6 persone ecco gli ingredienti:


    20 g di zucchero
    8 pomodori
    olio extravergine di oliva
    sale
    pepe

Procedimento

Sbollentate rapidamente i pomodori e sbucciateli, quindi tagliateli a metà ed eliminate i semi.

Ungete per bene una pirofila e disponetevi i pomodori con il lato tagliato verso il basso. Regolate di sale e pepe, spolverate con lo zucchero e irrorate la superficie con un filo d’olio.

Mettete in forno preriscaldato a 120 gradi per un’ora e mezza. Quindi sfornate e servite spolverandoli, se volete, con semi di sesamo o papavero.

";i:4;s:1743:"

La Tunisia e il couscous saffa

Chi non conosce il couscous? È un piatto squisito che mette gioia al solo vederlo. Ecco come lo preparano in Tunisia. Per 4 persone abbiamo bisogno dei seguenti ingredienti:


    400 g di semola (300 fine e 100 media)
    300 g di pomodori
    300 di cipolle
    5 spicchi di aglio
    4 peperoncini rossi
    1 cucchiaio di concentrato di pomodoro
    1 cucchiaino di paprica, uno di curcuma e uno di harissa
    olio extravergine di oliva
    sale
    pepe

Procedimento

Riempite la base della couscussiera con acqua, posatevi dentro il cestello con i due tipi di semola e portate a ebollizione; quando il vapore inizierà a fuoriuscire, coprite con il coperchio e proseguite la cottura per un quarto d’ora.

Versate, quindi, il couscous su un piatto da portata, sgranatelo con le mani, salatelo e spruzzatelo con un po’ di acqua fredda (circa 200 ml vanno bene). Quindi mescolate e lasciate risposare fino a quando non avrà assorbito tutta l’acqua. Rimettetelo nel cestello della couscoussiera e riappoggiatelo sulla pentola. Ripetete questo procedimento una seconda volta.

Nel frattempo, mondate le cipolle, affettatele e fatele rosolare con l’olio; aggiungetevi i pomodori a fette e fate insaporire per qualche minuto, mescolando per evitare che si attacchino. Unite le spezie, il concentrato di pomodoro, l’harissa e regolate di sale. Fate cuocere per una ventina di minuti e unite l’aglio schiacciato, i peperoncini e tenete ancora sul fuoco per 10 minuti. Togliete i peperoncini e metteteli da parte.

Unite il couscous alle verdure, mescolate e quindi servitelo in un piatto da portata, decorando con i peperoncini che avevate tenuto da parte.

";i:5;s:1118:"

L’insalata di bulgur e prezzemolo dal Libano

Se siete a Beirut e chiedete un’insalata di bulgur e prezzemolo (un tabulè), aspettatevi un piatto pieno di prezzemolo. E se non c’è tanto prezzemolo vuol dire che il cuoco non è libanese! Ecco gli ingredienti per 4 persone:


    300 g di prezzemolo
    75 g di bulgur (fine)
    3 pomodori
    2 limoni (solo il succo)
    1 cipolla
    1 mazzetto di menta fresca
    olive verdi e nere
    olio extravergine di oliva
    sale

Procedimento

Versate il bulgur in una ciotola, copritelo di acqua fredda e lasciatelo riposare per un quarto d’ora. Scolatelo per bene, fatelo asciugare su un canovaccio e versatelo in una insalatiera.

A parte, sbucciate e affettate la cipolla e unitela al bulgur con il succo di limone, l’olio e il sale. Mescolate per bene e lasciate riposare per una decina di minuti.

Nel frattempo tritate il prezzemolo e le foglie di menta, tagliate a dadini i pomodori e versate il tutto nell’insalatiere e mescolate con molta cura.

Guarnite con le olive e servitelo. E che buon pro vi faccia!";}}

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail