Mangiare informati e sicuri [2]: i marchi di garanzia

Per essere un po’ più tranquilli quando ci si siede a tavola (e anche quando si mangia in piedi) esistono alcuna sigle che, in linea di massima, dovrebbero garantire qualità e genuinità dei cibi.

Indicazione Geografica Protetta (IGP): marchio di origine attribuito a prodotti agricoli e alimentari per i quali una determinata qualità, reputazione o altre caratteristiche dipendono dall'origine geografica, e la cui produzione, trasformazione e/o elaborazione avviene in un'area geografica determinata.

Indicazione Geografica Tipica (IGT): riconoscimento di qualità attribuito ai vini da tavola caratterizzati da aree di produzione generalmente ampie e con disciplinare produttivo poco restrittivo.

Denominazione di Origine Protetta (DOP): valida solamente per i prodotti agroalimentari (vini e bevande alcoliche esclusi). È quella che impone le norme più stringenti in assoluto, e quindi è quella che garantisce più di tutte il consumatore, almeno riguardo ad alcune caratteristiche del prodotto. La DOP offre garanzie su diversi livelli del processo produttivo: origine, provenienza delle materie prime, localizzazione e tradizionalità del processo produttivo.

Denominazione di Origine Controllata (DOC): marchio di origine che certifica la zona di origine e delimitata della raccolta delle uve utilizzate per la produzione del vino sul quale è apposto il marchio. Utilizzato per designare un prodotto di qualità e rinomato, le cui caratteristiche sono connesse all'ambiente naturale ed ai fattori umani.

Denominazione di Origine Controllata e Garantita (DOCG): per denominazione di origine dei vini si intende il nome geografico di una zona viticola particolarmente vocata; viene utilizzato per designare un prodotto di qualità e rinomato. I vini DOCG sono prodotti in determinate zone geografiche nel rispetto di uno specifico disciplinare di produzione.

Specialità Tradizionale Garantita (STG): riconoscimento conferito ai prodotti agroalimentari ottenuti seguendo un metodo di lavorazione tradizionale: in questo caso la tutela viene riconosciuta alla tipicità della ricetta, mentre per DOP e IGT viene tutelato il prodotto.

  • shares
  • Mail