Expo 2015: “Messico, il seme per un mondo nuovo: cibo, diversità ed eredità”

Expo 2015: ¡Que viva Mexico! Uno sguardo al Padiglione Messico all'Esposizione Universale di Milano e alla tradizione gastronomica di questa parte del mondo

Expo 2015 – Il seme, simbolo per antonomasia della vita che nasce e poi cresce, è stato scelto dal Messico come slogan per il proprio stand a Expo 2015, dal momento che, grazie alla grande varietà di piante, animali, ecosistemi, è una vera e propria culla della biodiversità.

Lo slogan del Messico all’Esposizione Universale di Milano è il seguente: Messico, il seme per un mondo nuovo: cibo, diversità ed eredità e “con la sua partecipazione a Expo Milano 2015 il Messico vuole mostrare ai visitatori la sua ricchezza in termini di risorse naturali e di biodiversità – leggiamo sul sito dell’Expo – e il suo impegno a trovare soluzioni per un mondo libero dalla fame, dalla malnutrizione e dalle pratiche non sostenibili di produzione del cibo. Vuole presentare inoltre il suo contributo alla produzione globale di un gran numero di alimenti dalle proprietà curative”.

La gastronomia del Messico – che abbiamo già avuto modo di approfondire – nel corso del tempo è diventata un po’ il simbolo del cibo buono latinoamericano, grazie anche alla tv che spesso ce lo mostra in film e fiction varie.

La cucina messicana, infatti, è un felice connubio tra la tradizione india e la colonizzazione spagnola. Sembra che il binomio si sia consolidato a Puebla, ritenuta la culla della gastronomia messicana, soprattutto a opera delle monache. Proprio a Puebla è nato infatti il mole più famoso del paese, quello detto appunto poblano: una salsa speziata al cioccolato amaro, destinata principalmente ad accompagnare il tacchino e il pollo.

Expo 2015: “Messico, il seme per un mondo nuovo: cibo, diversità ed eredità”

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail