Frutta e verdura di stagione

Una volta (in realtà fino allo scorso anno..) si diceva che per essere consumatori avveduti e ragionevoli e per non gravare sull’inquinamento e sullo spreco delle risorse era consigliabile consumare i prodotti di stagione: frutta e verdura delle vicine campagne piuttosto che stranezze esotiche o completamente fuori tempo per il clima europeo.

A leggere Repubblica anche questa piccola certezza andrà rivista, perché la situazione sembra essersi rovesciata. Ora sono i vegetali a dettare l’agenda e a decidere quando devono essere consumati: quindi attenzione alle previsioni meteo prima di andare a fare la spesa!

Complice un clima anomalo (forse diventato tale proprio perché di consumatori avveduti e attenti alle questioni ecologiche ce ne sono stati pochi..) ormai (anzi, già) si trovano nei mercati le fragole, le fragoline di bosco, i fiori di zucca, le fave e i carciofi. E non si tratta di prodotti di serra o d’importazione, ma di frutti delle terre laziali.

  • shares
  • Mail