Bambini intolleranti al lievito: come cucinare senza rischi

Tutti i sostituti del lievito per allergici e vegani

bambinisenzalievito

Partiamo col dire che non è corretto parlare di intolleranza o allergia al lievito: quando si manifestano gonfiori o disturbi intestinali in genere il motivo risiede in una lievitazione troppo rapida degli alimenti o in difetti degli enzimi digestivi. Esiste, tuttavia, l’allergia a un enzima – l’alfa amilasi – utilizzato a volte dai fornai, che può dare reazioni bronchiali, ma è molto raro.

Esclusi, quindi, altri disturbi, è comunque meglio utilizzare agenti lievitanti naturali e non chimici per i piatti dei bambini, come il lievito madre oppure il cremor tartaro. Ma se preferite sostituire il lievito con altri alimenti, ecco come fare.

Innanzitutto il bicarbonato, un agente basico da contrapporre a un acido come l’aceto o il succo di limone: a contatto vengono attivati dall’acqua e dal calore. Per i dolci, è utile sapere che 3 albumi montati a neve equivalgono a una bustina di lievito in polvere, mentre per pizze e frittelle vi sarà fondamentale l’aggiunta di un bicchiere di birra.

Foto | Michele Borioli

  • shares
  • Mail