Il vino kasher di Pitigliano

Pitigliano è un paese della maremma toscana fondato dai Romani e noto anche come “la piccola Gerusalemme” per la presenza di una Sinagoga e di una comunità ebraica piuttosto numerosa.

Questo fa sì che, oltre all’ottimo omonimo bianco doc , girovagando per il bel centro storico si possano trovare anche bottiglie con etichette scritte in ebraico (essendo piuttosto lontani da Telaviv la cosa può sorprendere..).

Si tratta del vino kasher (uno dei quali si chiama Piccola Gerusalemme): termine usato per indicare tutti i cibi e le bevande che possono essere consumati perchè preparati secondo le regole del “kasherhut”.

Nel caso del vino, le varie fasi del processo enologico si svolgono sotto il diretto controllo del rabbino che, al termine di ogni passaggio (spremitura, fermentazione, svinatura, travasi e filtraggi), sigilla i contenitori e affinchè il vino sia “idoneo”.

Tutte le operazioni, compresa la stappatura della bottiglia, devono essere compiute da un ebreo osservante.

  • shares
  • Mail