Le etichette come i semafori

Scotsman riporta che la Food Standards Agency inglese sta studiando un nuovo possibile metodo per dare le informazioni nutritive dei prodotti nel modo più rapido e semplice possibile.

I ricercatori hanno verificato che sembrerebbe idonea una soluzione "a semaforo", dove il rosso indica un livello elevato di zucchero, sale o grassi.

Gli industriali controbattono che questa soluzione, troppo semplicistica, correrebbe il rischio di demonizzare alcuni prodotti, e continuano a preferire lo schema cosiddetto Guideline Daily Amounts (dosi giornaliere consigliate), che invece viene ritenuto troppo complesso dagli utenti.

Si sta cercando di arrivare ad una soluzione di compromesso che abbini lo schema delle dosi giornaliere consigliate con colori che indichino se i livelli sono alti, medi o bassi.

L'utilizzo dello schema nuovo (ammesso che si arrivi a definirne uno) rimarrà comunque volontario.

[via Food is worse than crack]

  • shares
  • Mail