Rifuggi gli gnocchi di miglio

Ogni tanto capita di aver voglia di provare qualche piatto nuovo, qualche estrosa preparazione di un cuoco fantasioso dal nome accattivante.

A noi è successo, complice il rigoglioso giardino estivo di un ristorante davvero molto bello e arredato con grande cura, con gli gnocchi di miglio alla zucca gialla con pomodorini e formaggio.

Quando il bianco piattone è arrivato in tavola, semivuoto come da recenti abitudini, si è subito fatta strada l’ipotesi di un errore umano: quelli non potevano essere gnocchi! Invece in questo caso la parola viene declinata alla praghese, cioè per gnocchi si intendono delle rotelle alte quasi un centimetro, un po’ croccanti e dal vago sapore di cibo per canarini.

Certo, la presenza del miglio poteva farlo presagire, ma il risultato è gastronomicamente davvero disastroso.

  • shares
  • Mail