Formaggi rari: Bruss


Si può dire che questo prodotto piemontese non sia un vero e proprio formaggio, in quanto viene preparato mescolando e impastando avanzi di altri formaggi con panna e latte. Il composto viene poi lasciato rifermentare e ad esso viene aggiunta della grappa.

In origine, ovviamente l’impasto e la rifermetazione dei resti di altri formaggi era stata del tutto casuale: il Bruss rappresenta uno dei tantissimi esempi di come la natura possa trasformare un’azione del tutto casuale in una perla gastronomica.

Il sapore è molto forte e piccante, non facile per un consumatore abituato ad anonime caciotte e insipide creme spalmabili. Probabilmente il modo migliore per apprezzarlo è quello tradizionale, con la polenta; altrimenti è da spalmare su un pane, preferibilmente sciapo.

La foto è tratta da un blog gastronomico giapponese.

  • shares
  • Mail