Il baccala mantecato con la ricetta di Antonino Cannavacciuolo

Come fare uno strepitoso baccalà mantecato con la ricetta di Antonino Cannavacciuolo

baccalà mantecato di Antonino Cannavacciuolo

Il baccalà mantecato di Antonino Cannavacciuolo è un secondo buonissimo e speciale che potete provare a preparare in casa, magari non verrà perfetto come quello dello chef, ma di certo il risultato sarà strepitoso. Seguite scrupolosamente tutti i passaggi e usate ingredienti di prima qualità.

Ingredienti


    400 gr di baccalà ammollato
    400 gr di patate
    1 cipolla
    1 carota
    1 costa di sedano
    1 foglia di alloro
    300 ml di latte
    Pepe
    Olio extravergine di oliva
    Aceto
    Rosmarino
    Timo
    500 gr di puntar elle
    4 acciughe

Preparazione


Mettete il baccalà ammollo e lasciatelo così per 3 giorni in frigorifero, cambiando l’acqua ogni 8 ore circa e coprendolo sempre con la pellicola trasparente. Trascorso questo tempo sciacquate il baccalà e tamponatelo con la carta da cucina. In una padella mettete un po’ di latte e poi la cipolla, il sedano e la carota a pezzi, quando inizia bollire spegnete. Nel frattempo scottate il baccalà in padella con un po’ di olio, ma senza sale, basteranno pochi minuti. Filtrate il latte con un colino e mettetelo in una pentola spaziosa, aggiungete un mazzetto di alloro, rosmarino e timo, poi aggiungete le patate tagliate a pezzi. Aggiungete anche il baccalà e cuocete a fuoco dolce per circa mezz’oretta.

Mettete le puntarelle in una ciotola, aggiungete le acciughe tritate e condite con olio, pepe e aceto. Frullate le patate e il baccalà con il frullatore a immersione, dovete ottenere un composto cremoso, tipo purè, aggiungete un po’ di olio e continuate a frullare per qualche minuto.

Servite delle polpettine di baccalà mantecato su un letto di puntarelle alle acciughe. Completate con un filo d’olio e servite.

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail