Cibo made in Italy imitato, copiato e falso!

ParmesanQualche giorno fa ho letto su Repubblica un articolo di Alessandra Retico su uno dei maggiori problemi per il cibo made in Itlay: le copie, le imitazioni, i falsi. Ormai è un dato di fatto che all'estero i danni provocati dallo sfruttamento del marchio Italia ai prodotti enogastronomici è enorme.

Il più copiato è sempre lui, il Parmigiano Reggiano, o meglio il Parmesan, il Parmeson, il Parmesao, il Pamesello o il Parma, questione di punti di vista. Per non parlare poi delle descrizioni che lo riguardano: 'fresh grana cheese', 'perfect italiano' oppure 'natural and italian'. Unica nota dolente il fatto che queste versioni non abbiano nulla di italiano!

Per non parlare poi di spaghetti tedeschi al pomodoro o ai quattro formaggi, di tagliatelle portoghesi 'Milaneza' (anche possibilità di trovare pasta fresca), di caciotta 'natural italian' prodotta in Cina, di Amaretto di Venezia con tanto di Leone simbolo della città prodotto in Germania, di Mozzarella Apache del Minnesota, di olio extra vergine di oliva 'Romulo', proveniente dalla Spagna ma richiamante Roma con l'etichetta che presenta una lupa che allatta i gemelli fondatori della città eterna, di 'Aceto Balsamico di Modena' tedesco, di un pecorino 'natural italian' prodotto in Cina, ...
L'elenco è sterminato e lascia un pò perplessi: il mondo intero sfrutta l'immagine della nostra enogastronomia, fa business con la nostra storia culinaria a scapito dei veri prodotti italiani (un danno economico per i nostri esportatori incalcolabile) e, soprattutto, prende in giro i consumatori tedeschi, americani, cinesi che siano. Sì, perchè di questo si tratta: un presa per i fondelli nei confronti dei consumatori stranieri che magari pensano di acquistare un sapore italiano quando in realtà poi assaggiare la 'mozzarella' sarebbe tutta un'altra cosa.

I più copioni gli americani e gli australiani. All'estero è un patacca un prodotto alimentare italiano su quattro. Un dato su tutti: il valore del made in Italy gastronomico taroccato è di oltre 50 miliardi di euro, il triplo di quanto esportiamo. Che fine fa il made in Italy una volta uscito fuori dall'Italia?

  • shares
  • Mail