Come cucinare i fagioli secchi senza ammollo

15 Settembre 2017

Guarda la galleria: Come cucinare i fagioli secchi senza ammolloLa “scocciatura” del cucinare i fagioli secchi consiste nella loro messa a mollo in acqua fredda diverse ore prima, anche la sera precedente, a volte. Può accadere che lo si dimentichi, vanificando il buon pranzetto che ci si era prefissati di gustare per pranzo.

Proprio per tale motivo sono in molti a chiedersi come cucinare i fagioli secchi senza ammollo. Esiste una tecnica capace di favorirne la cottura sorvolando anche su un ammollo veloce? Quest’ultimo, in realtà, oltre ad essere fondamentale per rendere i legumi morbidi, si rivela utile anche per la nostra salute. E’ necessario, difatti, per renderli decisamente più digeribili. Leggi anche: Come fare i fagiolini bolliti e quanto tempo occorre per lessarli al meglio

Ma tornando al nostro scopo, si può ricorrere ad un piccolo accorgimento, ovvero ad una sorta di pre-cottura degli stessi, ancora secchi, in forno. Ponete sul piano di lavoro una teglia quindi versate all’interno i fagioli, diciamo 400 gr circa. Copriteli con un dito di acqua ed unite gli aromi prescelti, ad eccezione del sale (potrete aggiungerlo alla fine). A questo punto impostate la temperatura del forno a 160-165°C e proseguite la cottura per un’ora o poco più.

Per rendere, invece, il tempo di ammollo più breve delle canoniche 8 ore, potrete lavare i fagioli, trasferirli in una pentola con acqua bollente non salata e farli cuocere per un quarto d’ora, quindi spegnere la fiamma ed attendere 4 ore. A questo punto, dopo avere eliminato l’acqua ed averne aggiunta altra, fateli bollire fino a cottura avvenuta.

Un cenno merita, infine, la cottura dei fagioli secchi senza ammollo in pentola a pressione. Ricorrendo a questa strategia si può saltarlo facendo cuocere direttamente in pentola i legumi con un cucchiaio di olio.

Tutte le dritte riportate sopra possono essere considerate delle scorciatoie più o meno valide, ma il metodo tradizionale è praticamente imbattibile in quanto a risultato: del resto ci sarà pure un motivo se le nostre madri, e le nonne, prima di loro, vi si sono sempre affidate.

I Video di Gustoblog: Apparecchiare la tavola: come disporre tovaglia e posate