Cioccolato di Modica: storia di un prodotto che merita l'indicazione IGP

Cioccolato di Modica: praticamente perfetto sotto ogni aspetto!

Il Cioccolato di Modica è uno dei fiori all’occhiello della pasticceria siciliana, un prodotto buonissimo e speciale, genuino e che è molto diverso dal tradizionale cioccolato che conosciamo e troviamo al supermercato. Il cioccolato di Modica è un Prodotto Agroalimentare Tradizionale e dal 2003 viene difeso a spada tratta dal Consorzio di Tutela del Cioccolato di Modica che promuove e tutela il prodotto. Proprio in questi giorni ci sono gli ultimi step per raggiungere l’agognata indicazione IGP, la proposta è al vaglio dell’Unione Europea, quindi c’è solo da incrociare le dita e sperare.

Antonino Scivoletto, il Direttore del Consorzio Cioccolato di Modica, ha spiegato:

“I prodotti tipici italiani vanno raccontati bene, nella loro storia, nelle loro tradizioni. Il nostro cioccolato è molto amato, ma la sua lunghissima storia molto spesso è ignorata. La ricerca storico-archivistica che abbiamo condotto per dimostrare il legame storico tra territorio e prodotto e che ha ci ha fornito una data di nascita certa per il nostro prodotto, ovvero il 1747, è potuta esistere proprio grazie al grande archivio e alla collezione di documenti della famiglia Grimaldi”.

Antonino Scivoletto, il Direttore del Consorzio Cioccolato di Modica

Per risalire alle origini di questo cioccolato dobbiamo andare molto indietro nel tempo, furono gli spagnoli ad introdurre questa lavorazione del cacao in Sicilia nel XVI secolo. A loro volta, la avevano vista nelle Americhe, dal popolo degli Aztechi, che vivevano dove adesso c’è il Messico. Non a caso prodotti simili, ma non uguali, esistono anche in Spagna e in alcuni paesi in Messico e in Guatemale.

Il cioccolato di Modica è fatto con la pasta amara e lo zucchero, due ingredienti che vengono mescolati a bassa temperatura e poi fatti asciugare in delle speciali formine a forma di lingotto. La pasta amara consiste nei semi di cacao di Sao Tomè tostati, macinati e sciolti a fuoco dolce fino a diventare una massa fluida.

Il vero cioccolato di Modica ha solo questi due ingredienti, più qualche spezia, le più comuni sono il peperoncino, la cannella, la vaniglia e il sale. Io vi consiglio di assaggiare la “ciucculatta muricana” laddove nasce, cioè a Modica, ma se non potete cercate almeno i prodotti di qualità, guardate gli ingredienti e se ce ne sono troppi lasciate perdere. La consistenza di questo cioccolato è granulosa, i granelli di zucchero si riescono a vedere e a sentire.

Il cioccolato di Modica è ottimo da gustare in purezza, un quadratino dopo i pasti, con il caffè o un vino liquoroso, si può utilizzare anche per cucinare ma io vi consiglio di non stravolgerlo, scioglierlo e usarlo in budini o torte, a mio parere, è uno spreco. È un prodotto perfetto così com’è, con la sua ricetta che risale al Settecento e non ha bisogno di sconvolgimenti o invenzioni.

via | finance.yahoo

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail