Insetti da mangiare: quali sono e come si cucinano nel Mondo

A breve verranno inseriti nell'elenco dei novel food dalla Commissione Europea: ecco quali sono gli insetti commestibili e come vengono utilizzati nelle cucine del Mondo

Insetti da mangiare: quali sono e come si cucinano nel Mondo Nonostante il 54% degli italiani si dica contrario, dal 1° gennaio 2018 gli insetti da mangiare arriveranno anche da noi. La Commissione Europea istituirà un elenco dei "novel food" autorizzati per la commercializzazione nell’Unione Europea, e tra questi ci saranno vermi, larve and Co.

Dallo scorso mese di agosto sono già una realtà in Svizzera, dove chi voglia mangiare gli insetti può recarsi presso qualsiasi supermercato e trovarli sotto forma di polpette e burger.


Siete incuriositi dall'argomento? Allora è bene sappiate quali insetti facciano parte dell'elenco dei commestibili.


  • Cavalletta

  • Verme Agave e verme bambù

  • Diverse specie di formiche

  • Millepiedi

  • Scarafaggio

  • Grillo

  • Locusta

  • Libellula

  • Coleotteri
  • Larva di mosca

  • Vespe

  • Baco da seta

  • Coleottero femmina

  • Mopane verme

  • Camole o tarme della farina

Se possono fare storcere il naso - vi sfido a mangiare una locusta - nel resto del Mondo non sono una novità: si stima vengano consumati da circa 2 miliardi di persone.

Pensate, ad esempio, come le uova di formica, in Messico, vengano fritte nel burro (o lessate) ed gustate all'interno dei tacos, o come le tarantole, fritte in olio, zucchero, sale ed aglio, vangano consumate in Cambogia e Venezuela.

Le larve di vespa, ancora, cotte con salsa di soia e zucchero, rappresentano uno snack croccante molto apprezzato in Giappone, mentre le larve di punteruolo rosso della palma in Papua Nuova Guinea e Malesia vengono arrostite oppure avvolte nelle foglie di sago e servite come involtini.


Non solo: sono numerosi gli chef ad averli introdotti nei loro menù. Davide Faure ne ha proposto, oramai diversi anni fa, uno a tema. Tra le portate, una farina di vermi grigliata con zucca e polenta al gusto di nocciole e arachidi. René Redzepi non è stato da meno: il suo comprende una crema di yogurt con formiche ed un paté di grilli e foglie di acetosella.

A chi si sia sempre chiesto se mangiare insetti faccia male non si può che rispondere no: alcuni di essi sono caratterizzati da valori nutrizionali di tutto rispetto, come il rilevante contenuto di proteine e di vitamine.

A breve, quindi mangiare insetti a Milano o a Roma, diventerà possibile: pronti o no, potremo ritrovarceli davanti. Sarà meglio, dunque, prepararsi al futuro allargando i nostri orizzonti culinari.

Via | Insetticommestibili

Foto | Schankar s.

  • shares
  • Mail