Formaggi tipici: Bra tenero o Bra duro?

Il Bra è sicuramente uno dei simboli gastronomici della provincia di Cuneo. La produzione, da latte vaccino ed eventualmente da piccole percentuali di latte ovino e caprino, è caratterizzata da una doppia rottura della cagliata, per una migliore fuoriuscita del siero, seguita da due salature a secco.

Il disciplinare di questo formaggio, che prende il nome dalla cittadina in cui è stato commercializzato per secoli, prevede una versione tenera, stagionata per almeno 45 giorni ed una dura, con una stagionatura di almeno sei mesi.

Molti preferiscono il Bra tenero, ritenendolo più versatile e dal sapore meno “complicato” (che sia un’assuefazione alle caciotte anonime da supermercato?) ma un Bra stagionato, accompagnato per esempio da un morbido Sfursat della Valtellina, può essere secondo me, con la sua complessità e persistenza, il vero protagonista di tutto il pasto.

La foto è tratta dal sito: www.saporidilanga.com

  • shares
  • Mail