Spritz: dosi, ricetta e storia del cocktail più amato per l'aperitivo

Come fare lo Spritz in casa: dosi, ricetta e varianti del celebre cocktail da aperitivo che mette tutti d'accordo.

Quali sono le dosi dello Spritz? Come preparare un delizioso Spritz in casa? Quando si parla di aperitivo lo Spritz è sempre uno dei cocktail più amati da tutti ed in particolare dalle donne. Per fare lo Spritz in casa servono pochi ingredienti tra cui la soda, che deve essere fredda, in alternativa potete utilizzare il seltz. Ma chi ha inventato lo Spritz? I veneti sono convinti di avere la paternità di questo cocktail ma in realtà pare sia nato per caso da un’idea degli austriaci che si trovavano nei territori veneti sotto il dominio del regno austro ungarico. Il vino italiano per gli austriaci era troppo forte e quindi lo diluivano con l’acqua frizzante, giusto una spruzzatina per stemperare il sapore da qui la parola spritzen che porterà poi a Spritz e al nome del cocktail.

Ingredienti


    1 parte di Aperol
    2 parti di Prosecco D.O.C. Cinzano
    1 parte di soda
    Fettine di arancia

Preparazione


Lo Spritz lo potete preparare in un calice da vino oppure in un bicchiere basso, scegliete voi in base a quello che vi piace di più, nei bar si utilizzano entrambi. Il calice è chiaramente il bicchiere più elegante.

Mettete il Prosecco D.O.C. Cinzano direttamente nel bicchiere con 3 cubetti di ghiaccio, aggiungete un po’ di soda e poi completate con l’ Aperol.

Decorate con una fettina di arancia e servite subito.

La ricetta veneziana dello Spritz prevede il vino bianco fermo al posto del Prosecco o dello Spumante. Tra le varianti più comuni c’è l’utilizzo del bitter Campari che è più dolce e analcolico, al contrario dell’Aperol che invece è più amaro e ovviamente alcolico. In Spagna lo Spritz viene fatto con il vino rosso, mentre invece in Francia con il vino rosè e decorato con fragoline.

Foto | iStock

  • shares
  • Mail