Cucina romana: le fave dolci

8 Settembre 2007

Era un’ abitudine (che purtroppo sta lentamente scomparendo) di mamme e nonne preparare questi dolci (ultracalorici) a novembere, in corrispondenza del giorno dei morti.

Il nome non si riferisce solo alla forma dei dolcetti; pare infatti che già all’epoca dei Romani vi fosse la tradizione di mangiare le fave nel tempo della commemorazione dei defunti, che però avveniva in maggio e non in novembre.

La ricetta delle fave dolci è molto semplice: si impastano le mandorle tritate con lo zucchero, la farina, il burro, un uovo e la scorza di limone; il composto va poi diviso in pezzetti (simili a fave appunto) che verranno disposti su una teglia imburrata e di seguito infornati.

La foto è tratta dal sito: www.coltelliericette.com

I Video di Gustoblog: Maritozzi con la panna…”il Maritozzaro” a Trastevere….AVI