Dalla Calabria l’acqua sempre pura

14 Settembre 2007
di Nemo

La scelta amletica è sempre la stessa, soprattutto in estate: accompagnare il pasto con l’acqua minerale e con quella fornita dal pubblico acquedotto? A tutti quelli che scelgono di comperare acqua imbottigliata consiglio di leggersi bene le etichette, perché alcune sono davvero buffe.

A me è capitata quella della Fonte della Madonnina della Calabria che per l’abbondanza di virgolette e per i termini utilizzati lascia davvero perplessi. Ecco un esempio (le virgolette sono nel testo originale):

La neve e la pioggia che provengono dal cielo incontaminato della Calabria “filtrano secondo natura” attraverso le montagne vergini delle Serre e scendono in un grande bacino dove si arricchiscono di equilibrate concentrazioni di “preziosi sali minerali” che le danno l’indiscussa purezza e tutte le qualità a fianco riportate.

Non paghi di questo capolavoro letterario, sul retro si legge: Per la zona in cui nasce e per qualità che rimangono inalterate nel tempo, quest’acqua è sempre pura, per cui non ha bisogno di centinaia di controlli giornalieri ma soltanto di quelli consigliati dalla buona norma e dalla legge.

In buona sostanza si tratterebbe di una minerale pura per definizione per cui i controlli non servono, ed infatti le analisi dell’Università di Messina sono di tre anni fa…

I Video di Gustoblog: Le pere caramellate