E son soddisfazioni...

Lo ammetto: questo è un post quasi-personale, che si distacca decisamente dallo stile medio di Gustoblog. Però... mi ha colpito al cuore questo post di Nosheteria - haute cuisine for the masses, perchè parla di bagna cauda.

La qui presente è di origini torinesi, o meglio, ha trascorso i suoi primi 30 anni da torinese, a Torino, salvo poi trasferirsi a Roma.

Nel corso della sua esperienza di torinese con background gastronomico torinese, la qui presente ha sentito solo molto raramente (leggasi: mai) parlar bene un "non-indigeno" della bagna cauda.

Il perchè è presto compreso: la bagna cauda mette alla prova i palati (ed i fisici, e gli stomaci, ed i nasi altrui) di chi non vi è abituato. Dev'essere nel DNA dei piemontesi il riuscire a "sopportare", o, addirittura, a gradire, un pasto conviviale a base di bagna cauda. Per gli altri, spesso, è troppo.

Allora scoprire che, dall'altra parte del mondo, in California, la calda California, qualcuno, anzi, qualcuna, apprezzi la bagna cauda al punto di scriverne un post così appassionato, beh, ecco, sono soddisfazioni...

Detto questo, si torna impersonali.

  • shares
  • Mail