Le melanzane sott'olio con la ricetta della nonna

Una conserva caratterizzata dal sapore che solo l'estate sa regalare: provate la ricetta della nonna per fare le melanzane sott'olio

Le melanzane sott'olio con la ricetta della nonna Le melanzane sott'olio con la ricetta della nonna ci regalano la conserva perfetta per realizzare antipasti vegetariani rustici e sfiziosi adatti ad aprire pranzi e cene in estate così come in inverno.


Le melanzane sott'olio, ricetta siciliana ma realizzata diffusamente in tutta Italia, sono ideali anche per completare la farcia di panini ricchi o il condimento di primi piatti freddi. Versatili come poche, sono deliziose e recano in sé il sapore autentico della bella stagione.

Le melanzane sott'olio a crudo - a fette o filetti - sono facili da realizzare e non richiedono alcun particolare accorgimento a parte il reperimento di ortaggi gustosi, maturi al punto giusto e saporiti come si deve.

Senza cottura, senza contare l'eventuale breve sbollentatura alle quali potreste sottoporle per non incorrere in particolari rischi per la buona riuscita, ecco come farle in casa in poche mosse per poi gustarle dall'autunno alla primavera in qualsiasi occasione se ne abbia voglia.

Ingredienti


1 kg di melanzane lunghe
aceto di vino bianco qb
un paio di spicchi di aglio
1 peperoncino piccante
origano secco
olio extra vergine di oliva
sale grosso qb

Preparazione

Per prima cosa lavate bene le melanzane, asciugatele perfettamente e tagliatele a strisce lunghe. Trasferitele in un colino e cospargetele di sale.

Copritele con un peso e fatele riposare per circa 30 minuti. Al termine strizzatele e sciacquatele con acqua fredda, quindi asciugatele bene con carta assorbente.

Trasferitele su un panno pulito in un unico strato e fatele asciugare all'aria fino a quando saranno perfettamente asciutte, anche per tutta la notte. Trascorso questo tempo
inseritele nei vasetti di vetro sterilizzati alternandole con aglio a fette, origano e peperoncino.

Coprite con l'olio e fate riposare per 3 ore, quindi avvitate i tappi e trasferite in dispensa per almeno 2 settimane prima di gustarle.

  • shares
  • Mail