A Roma menu etnici nelle mense scolastiche

Come ho già scritto molte volte, per me la cucina è cultura: per questo quando viaggio mi piace assaggiare le specialità del Paese in cui vado, in questo modo mi sembra di conoscerlo meglio, penetrando a fondo nell’ambiente e respirandone l’atmosfera.

Qualcuno, presso l’assessorato alla Scuola del comune di Roma deve pensarla come me ed essere convinto che la cucina possa essere anche strumento educativo contro il razzismo e a favore dell’inclusione sociale: questo almeno sembra l’obiettivo del progetto ‘Ogni mese un Paese’ che è stato appena avviato in molte mense scolastiche. Da ottobre fino a maggio, infatti, gli alunni delle scuole aderenti avranno a pranzo la possibilità di scegliere menu etnici dele otto comunità più presenti in città: Bangladesh (ottobre), Romania (novembre), Albania (dicembre), Polonia (gennaio), Perù (febbraio), Cina (marzo), Marocco (aprile) e Filippine (maggio).

Dal pollo alle mandorle al couscous, dal budino di latte di riso alla zuppa di barbabietole, una bella iniziativa che mira a condurre dallo scambio dei ‘sapori’ all’unione dei ‘saperi’ attraverso ricette specifiche per bambini, cioè preparate con marchi di qualità garantita e con prodotti provenienti dall’agricoltura biologica o dal mercato dell’equo e solidale.
Non so a voi, a me resta la curiosità di sapere quali pietanze faranno parte dei menu.

  • shares
  • Mail