Vegetable Orchestra: musica per le orecchie e per… il palato

Mentre noi comuni mortali con un misto di verdure al massimo riusciamo a preparare un buon minestrone, a Vienna ci sono dieci musicisti che la verdura riescono a farla addirittura …suonare!

Trattasi della Vegetable Orchestra, ensemble che iniziò nel 1997 ottenendo musica da un pomodoro e che oggi si esibisce in giro per il mondo con zucche, melanzane, cetrioli, peperoni, carote (queste ultime particolarmente laboriose: ci vogliono infatti 30 minuti per trasformarle in flauti) proponendo musica elettronica originale e qualche brano di classica, che sono stati perfino raccolti in due album, ‘Gemise’ e ‘Automate’.

Per prepararsi a un concerto l’orchestra inizia molto presto, ma non in sala prove, bensì al mercato dove sceglie gli ortaggi più freschi per conservare la purezza del suono, quindi, nel pomeriggio, segue un duro lavoro di grattugia e taglierino per giungere alla perfetta amplificazione, fino al momento di andare in scena.
E dopo? Ci pensa il cuoco Richard, che con gli ‘strumenti’ realizza ottime zuppe sempre diverse da gustare insieme al pubblico.
Io proprio non vedo l’ora che tornino a esibirsi in Italia!

  • shares
  • Mail