La zucca: un anafrodisiaco

3 Novembre 2007

L’origine della zucca è controversa: alcune delle specie provengono senza dubbio dall’America meridionale e furono conosciute dagli Europei solo dopo la scoperta del Nuovo Mondo. Altre specie, già note a Greci e Romani, proverrebbero invece dall’Asia meridionale.

Questo ortaggio tuttavia non godette mai di grande prestigio e per secoli venne ritenuto adatto solo alle classi più povere; anche a partire dal 1500, quando venne introdotta e diffusa in tutta Europa, la zucca colpì più per la sua strana forma che per l’impiego della sua insipida polpa. Solo in momenti storici caratterizzati da gravi carestie la sua diffusione raggiunse picchi altissimi.

Successivamente si iniziarono a studiare, da un punto di vista scientifico, anche le virtù officinali della zucca: venne utilizzata come vermifugo e antinfiammatorio delle vie urinarie, mentre, parallelamente, la medicina popolare, aveva individuato nei semi di quest’ortaggio, dei potenti anafrodisiaci, capaci di placare ogni eccesso sessuale…qualcuno può confermare?

La foto è tratta dal sito: www.udine.com

I Video di Gustoblog: Colomba senza glutine