[blogo-gallery id=”226920″ layout=”photostory”]

Il Negroni compie 100 anni, un cocktail amatissimo in tutto il mondo che viene preparato nei bar più rinomati ma anche nei “peggiori bar di Caracas”. Il Negroni è un cocktail tutto italiano che è stato inventato a Firenze nel 1919 dal conte Camillo Negroni, è il 2° cocktail più venduto al mondo e il preferito dagli italiani, con buona pace degli estimatori dello Spritz.

Il Negroni originale e più vicino a quello creato dal conte Camillo Negroni lo potete gustare al Caffè Gilli a Firenze, il più antico caffè che si trova in piazza della Repubblica e dove a prepararlo c’è proprio “Mr Negroni” ovvero Luca Picchi. Il Negroni si fa con pochi ingredienti che però vanno scelti con attenzione, si utilizzano infatti solo Campari, vermouth rosso e gin che vanno messi tutta nella stessa quantità.

Il Campari è l’unico ingrediente che non può essere cambiato, va utilizzato l’originale senza se e senza ma. Ogni bartender può però scegliere il vermouth rosso e il gin e cambiando le caratteristiche, l’invecchiamento e la qualità, cambierà anche il risultato finale e cioè la qualità e il sapore del Negroni.

Ricetta Negroni

Ingredienti

    Ghiaccio a cubetti
    1/3 di Campari
    1/3 di Gin
    1/3 di vermouth rosso
    Scorza d’arancia

Preparazione

Prendete un bicchiere e riempitelo di ghiaccio. Aggiungete in sequenza il Campari, il vermouth rosso e il gin. Completate con una scorzetta d’arancia e servite.

Il Negroni sbagliato

Nel 1972, Mirko Stocchetto del Bar Basso di Milano fece un errore durante la preparazione del Negroni e al posto del gin mise per sbaglio dello spumante brut. Un errore che però aveva il “suo perché” e che è stato battezzato Negroni sbagliato, un cocktail perfetto per chi ama le bollicine ma non vuole rinunciare al gusto inconfondibile del Negroni.

Foto | iStock

Riproduzione riservata © 2022 - GB

ultimo aggiornamento: 27-01-2019