Piatti esotici: lingua di renna

21 Novembre 2007

La lingua di vitello o, eventualmente di suino, è un piatto con una certa tradizione in diverse regioni italiane. Devo dire però che è la prima volta che mi capita di provare la lingua di renna; l’ho assaggiata in un ristorante di cucina lappone ad Helsinki ma è facilmente reperibile in tutta la Scandinavia. Ad ogni modo devo ammettere di essere rimasto favorevolmente sorpreso, tanto da preferirla a quella classica di vitello, bollita e condita ad esempio con aceto balsamico.

La lingua di renna è molto più tenera ed il sapore è sicuramente più intenso. La carne viene appena scottata per qualche minuto sulla piastra ed accompagnata ad un’ottima salsa di “puolukka”, delle bacche simili ai cranberries, che con la loro spiccata acidità bilanciano la tendenza dolce della lingua e non “stancano il palato”.

Tentare un abbinamento non è cosa facile: sicuramente si dovrà scegliere un vino di struttura, profumato ma anche di adeguata freschezza e lunga persistenza gusto-olfattiva. Si può provare con il Don Antonio, 100% nero d’avola dell’azienda Morgante.

La foto è tratta dal sito: www.uq.edu.au

I Video di Gustoblog: How to Make Halloween Cake Pops!