Come si fa la zucca marinata in agrodolce

La zucca è un'ortaggio affascinante e magico che riesce a stupire sempre perché capace di trasformarsi in mille modi: in simbolo “mostruoso” per Halloween, in una splendida carrozza per Cenerentola, ma anche in ottimi piatti in cucina.

La zucca di diverse varietà, forme, colori si abbina bene a molti ingredienti ed è molto versatile perché adatta a primi, secondi e dolci. Inoltre della zucca si mangia davvero tutti quindi non solo la polpa, ma anche la buccia, magari fatta marinare, i semi spesso tostati per un aperitivo, e i fiori che vengono esaltati dal fritto in pastella.

Presente in molte ricette, alcune già proposte in questi giorni, la zucca si presta a diverse preparazioni, ma oggi vorrei mostrarvi come come si fa la zucca marinata in agrodolce seguendo una ricetta trovata in rete e leggermente modificata a mio piacimento.

Gli ingredienti necessari per questa ricetta sono: 250 ml di sciroppo d'acero, 1 cucchiaino di zenzero in polvere, 500 ml di aceto di mele, 1 foglia di alloro, 1 spicchio di aglio, 2.5 kg di zucca, pepe bianco e sale q.b.

Per la preparazione: sciacquate la zucca, eliminate semi, filamenti. Sbucciate la vostra zucca con un semplice pelapatate. Tagliate la polpa a dadini di circa ½ centimetro l'uno, metteteli poi in un colapasta e cospargeteli di sale per eliminare l'acqua di vegetazione lasciando così per circa tre ore.

Quindi lavate i dadini di zucca e fateli asciugare su un panno pulito. Contemporaneamente in un casseruola versate l'aceto, lo sciroppo d'acero, i chiodi di garofano, lo zenzero, il pepe, l'aglio tritato, la foglia di alloro e far cuocere per circa 10/15 minuti.

Riponete i dadini di zucca in vasetti, preventivamente lavati e sterilizzati, e ricopriteli del liquido cosi ottenuto e ancora bollente. Riporre i vasetti in frigo, nel quale si conserveranno per 2 settimane, tempo in cui raggiungono il picco di bontà.

Vi consiglio, per poter acquistare una buona zucca : di toccare il vostro ortaggio cercando di capire con “un colpetto” se si sente un suono sordo; di verificare che il picciolo siatenero e che l'esterno l'esterno pulito e sodo.

Foto | Pinterest

  • shares
  • Mail