Pranzo di Natale a 10 euro? Si può

Le Feste sono un’ottima occasione per riunire famiglie e amici intorno a un tavolo, o meglio, a una tavola apparecchiata, ma tra regali, pensierini, addobbi e cotillon il portafoglio si svuota anche della tredicesima e dover organizzare cenoni e pranzi rischia di diventare una fonte di preoccupazione anziché di gioia.

In realtà basta avere qualche piccola accortezza per riuscire a preparare un pranzo di Natale e un cenone di Capodanno rispettivamente con 10 e 17 euro a commensale facendo una splendida figura: innanzitutto utilizzare prodotti italiani e non importati, recuperare ricette povere della tradizione e ridurre le porzioni in modo da evitare gli sprechi.

I consigli vengono da fonte più che autorevole, l’Accademia italiana della cucina, che puntualizza quanti avanzi finiscano nella pattumiera durante i giorni di festa: sembra addirittura il 20% delle pietanze preparate, soprattutto antipasti, dolci e contorni. Ma l’Aic si spinge anche oltre e suggerisce due facili ed economici menu per le ricorrenze principali: spaghetti con mollica di pane e acciughe, pasta e ceci, stoccafisso con patate e insalata per la Vigilia; tortellini in brodo o lasagna vegetale, cappone e lenticchie per San Silvestro. Da aggiungere, poi, frutta, dolci, vini e spumanti, ma rigorosamente made in Italy.

  • shares
  • Mail