Menù ospedalieri: Asti dal disgusto al gusto



Quando si parla di cibo di qualità e di sapori tipici non si pensa di certo ai pasti che vengono “serviti” negli ospedali (a meno che non si sia dei patiti di mele cotte e semolini..).

Forse per sfatare questo luogo comune, al "Cardinal Massaja", il nuovo ospedale di Asti, hanno iniziato a servire menù gustosi e personalizzati nell'ambito del progetto "2Q-Qualità Quotidiana": prodotti di qualità, stagionalità, tracciabilità e provenienza locale.

È stato rivoluzionato il sistema di approvvigionamento e cucina della struttura, creando menù nutrienti e adatti anche alle varie patologie: nei pasti sono arrivati formaggi del territorio, verdure fresche degli ortolani astigiani, carni di razza piemontese, arance cresciute nelle terre confiscate alla mafia e l'olio extravergine d'oliva ligure.

Il progetto rientra nel programma "Guadagnare Salute", sottoscritto dal ministero della Salute e da Slow Food.

Che dite, ci facciamo ricoverare??

  • shares
  • Mail