Cioccolato e sostenibilità a Eurochocolate 2012

Cioccolato e sostenibilità a Eurochocolate 2012

Il cioccolato belga, tra i migliori che si conoscano, ha un'origine alquanto insolita: nasce, infatti, come farmaco contro la depressione e come tale viene inizialmente venduto in una farmacia che si trasformerà in un secondo tempo in cioccolateria. All'interno della kermesse Eurochocolate è dedicato a un percorso didattico voluto e organizzato dal più importante produttore belga di cioccolato: Callebaut.

I pannelli illustrativi, posti nei pressi del Grande Nero di Alberto Burri all'interno della Rocca Paolina di Perugia, raccontano del lungo viaggio del cacao che prende le mosse molto prima che le piante diano frutto al riparo delle foreste pluviali dell'Africa equatoriale.

Cioccolato e sostenibilità a Eurochocolate 2012

Prima dei frutti nasce l'impegno di chi, come Callebaut, nel rispetto dell'ambiente, prepara i produttori a ottenere la massima qualità del cacao senza impattare negativamente sull'ambiente. Conoscenza, coltivazione e produzione, ecco la base della produzione del cioccolato Callebaut. Le materie prime, una volta giunte a destinazione in Belgio vengono lavorate da veri e propri maestri del gusto che creano e quindi lavorano una mistura di vari tipi di cacao fino al raggiungimento dell'ideale di un cioccolato profumato, lucido dalle impareggiabili note dolci e amare. Non a caso la ditta belga si vanta di essere uno dei pochi produttori di cioccolato che ancora seleziona, tosta e macina da sé le fave di cacao.

Il percorso didattico si dimostra, tuttavia, lacunoso non nell'aspetto grafico, chiaro ed evocativo, quanto per la mise en place. Spazio esiguo, poco illuminato e mal indicato per non parlare, poi, della vicinanza, a dire la verità poco comprensibile anche se giustificabile, di uno stand dedicato alla norcineria umbra. Prodotti di rilievo in entrambe le direzioni, ma proprio quando si è presi dal viaggio esotico e dalle armonie aromatiche del cibo degli dèi, si viene avvolti dai forti sentori di una salumeria...

  • shares
  • Mail