Sicilia, vini “en primeur”



Da mercoledì 5 a domenica 9 marzo Trapani e Marsala ospiteranno la quinta edizione della rassegna Sicilia en primeur. Gli eno-grastro fortunati che si troveranno sull’isola in quel periodo (soprattutto nel weekend, quando ci saranno le degustazioni aperte al pubblico) potranno partecipare ad una vera e propria esperienza polisensoriale tra i territori di produzione, le specialità gastronomiche siciliane e le bellezze architettoniche e paesaggistiche della provincia che ospiterà la manifestazione.

Saranno quasi 30 le aziende vitinicole che parteciperanno a Sicilia en primeur: dall’Abbazia Santa Anastasia di Castelbuono alla Cusumano di Partinico, dalla Tenuta Donnafugata di Marsala alle Agricole Planeta di Noto. Sabato 8 e domenica 9, dalle ore 18 alle ore 23, Palazzo Cavaretta ospiterà una degustazione pubblica dei vini in commercio riservata ad un pubblico (pagante) di turisti ed appassionati, che potranno assaporare i vini e conoscere personalmente i produttori.

In ambito enologico il termine en primeur indica la vendita di una certo tipo di bottiglie di elevato valore, alcuni anni prima che queste siano commercializzate sui canale tradizionale. Un mercato usualmente riservato ai vini di altissima qualità e di solito di provenienza francese. In Italia si svolge da poco tempo, anche se sono già molte le etichette offerte dal sistema finanziario, tra cui alcune provenienti dalla Sicilia.

  • shares
  • Mail