Il Galateo a tavola ci dice se lasciare cibo nel piatto e quando

Quando si è a tavola in un occasione formale potrebbero nascere dubbie incertezze su come comportarsi nell'occasione in cui si è sazi e non si vuole più cibo oppure ci si vuole risparmiare per poter assaggiare tutte le portate.

La domanda che sorge spontanea è come evitare di mangiare una portata nella sua interezza senza però evitare di infrangere la tacite regole del bon ton ed evitare di fare pessime figure con gli altri commensali?

Non è una domanda dalla risposta semplice, quello che possiamo limitarci a dare qualche dritta. In linea di massima è sempre scortese lasciare qualcosa nel piatto in quanto si dovrebbe ordinare o farsi dare una porzione consona al proprio appetito. Non è nemmeno educato pulire a specchio il piatto, magari anche usando del pane. In molte culture orientali l'ospite lascia l'ultimo boccone per dimostrare di aver partecipato a un pasto abbondante.

D'altro canto però sarebbe necessario contestualizzare il bon ton all'epoca in cui viviamo ed essere sensibili agli sprechi e considerando che lo nostre norme sanitarie sono molto precise riguardo gli avanzi sarebbe coscienzioso nonché signorile evitare di chiedere più di quanto si ha intenzione o si è capaci mangiare.

Il galateo non ama gli eccessi, piuttosto predilige discrezione e rispetto, sia verso i commensali che verso l'ambiente, e quindi un ridimensionamento del nostro stile di vita per fare in modo che si prepari non più di quello che si consuma sembra in perfetto accordo con queste regole. Quindi per concludere evitiamo se possibile di lasciare il cibo nel piatto quando siamo noia sceglierlo e preparalo, piuttosto quando il cibo è servito da terzi e non si ha controllo sulle quantità non sentiamoci troppo in colpa per lasciare qualcosa nel piatto.

Foto | Flickr

  • shares
  • Mail