Bastardo del borgo: il rosso di Tirabuccia



Devono essere proprio arrabbiati i proprietari di questa cantina!!

Per uno dei loro rossi hanno scelto l’etichetta Bastardo del borgo, spiegando il nome con il fatto che sarebbe figlio di tante uve e di tante terre (e sia il nome che la spiegazione non fanno venire molta voglia di provarlo).

Ad un altro rosso è toccato in sorte il titolo di Pecora nera, che sarebbe un vino esotico e autoctono, contemporaneamente…

I nomi scelti non devono aver portato bene a questa azienda (di cui non ci sono tracce sul web) dato che solo due enoteche sembrano avere inserito i suoi prodotti nella carta dei vini.

Siete per caso tra i fortunati a cui è capitato di assaggiarli?

  • shares
  • Mail
5 commenti Aggiorna
Ordina: