Birranova, un nuovo microbirrificio in Puglia


A proposito di microbirrifici artigianali, segnalo la nascita di una nuova etichetta su cui voglio puntare la credibilità (di giornalista e sommelier) e dire che farà parlare di sé. Nella zona dove è nata, la Puglia e più precisamente quel lembo di terra che collega il mare alle Murge (in una piccola frazione, Triggianello), la birra ha già fatto parlare di sé ed il mastro birraio, Donato Di Palma, vede continuamente pieno il suo locale.

L'etichetta si chiama Birranova, sarà commercializzata a breve e per ora è possibile degustarla presso La Cantina della Birra (o, se siete fortunati, avete forse avuto modo di conoscerla a Rimini la scorsa settimana) e non escluderei di trovarla sulle prossime guide Slowfood.

Birranova è, come dice il suo motto, speciale quanto la birra. Speciale perché nasce da una passione, che è quello che mi ha principalmente colpito di questo birrificio e del suo proprietario. In fondo, a pensarci bene, l’impresa è di quelle folli: aprire un birrificio artigianale in una piccola frazione. Un birrificio nato praticamente "sotto casa" ma che vanta un impianto eccezionale, disegnato dal proprietario e fatto costruire da un'azienda specializzata.

Quando ho incontrato Di Palma mi ha confessato gli è nata all'età di 13 anni, quando "in Inghilterra i parenti mi portavano nei vari pub da loro frequentati, e lì ho cominciato a capire che esistevano diverse tipologie di birra, ognuna con caratteristiche diverse. Da allora mi sono sempre divertito ad andare in cerca di birre particolare da assaggiare. Finchè un giorno trovai un libro che parlava di come farsi la birra in casa,ed ho iniziato a produrla casa”.

In produzione (per ora) tre birre: la Trebbiana, la Negramara e l'Abboccata.
La Trebbiana è una birra chiara da 5°, tipo Helles tedesca, è una birra poco luppolata per accontentare i consumatori che preferiscono birre poco amare. Una birra che, nonostante i sui 5° gradi alcolici, è molto piacevole e non appesantisce. Da abbirare ai piatti più leggeri, senza troppa complessità.

La Abboccata è una birra rossa da 6,5°, tipo Bock tedesca, è una birra molto corposa, dal retrogusto di caramello. Va degustata ad una temperatura di circa 10/12 gradi, dopo una decantazione di una decina di minuti. Ottima su formaggi e prosciutti tipici dell'enogastronomia pugliese.

La Negramara è una birra ambrata da 4°, tipo Altbier di Dusseldorf, è la birra più complessa delle tre, anche se ha un basso grado alcolico e alla bocca appare la più pesante delle altre. Si abbina ottimamente alle carni e ai primi più elaborati.

  • shares
  • Mail