Non riesci a dormire? Prova con il formaggio fresco

Sono ben 12 milioni gli italiani che soffrono d’insonnia, per i quali materasso e cuscino non significano il giusto, meritato riposo, ma solo ore in cui ci si gira su un fianco e poi sull’altro e si diventa sempre più stanchi. Coldiretti ha pensato a tutti loro e ha diffuso un vademecum di consigli alimentari per migliorare quantità e qualità del sonno.

Secondo gli esperti, per dormire bene, la sera a cena bisogna evitare i cibi con sodio in eccesso e privilegiare quelli che contengono l’aminoacido triptofano, che aiuta la sintesi della serotonina, sostanza che agevola il rilassamento. In pratica: sì a pane, pasta, riso e orzo, a verdure come lattuga, zucca, rape, cavoli, radicchio e aglio, a uova bollite e a frutta dolce. Da evitare, invece, scatolame, minestre con dado, salatini, condimenti piccanti a base di pepe, curry e paprika, ma anche a cioccolato, caffè, thè e cacao che contengono caffeina e meglio bandire anche i superalcolici che, se non tolgono il sonno, regalano però un brutto risveglio.

Un vero toccasana (lo vediamo i molti film americani in effetti) sembra sia bere un bicchiere di latte caldo prima di coricarsi: riduce l’acidità gastrica, spesso colpevole dell’insonnia, ma va bene anche il consumo di formaggio fresco e yogurt che diminuiscono il nervosismo. Un dolcetto ricco di carboidrati, infine, può funzionare da potente antistress, e magari, accompagnato da un infuso o una tisana zuccherata con miele, donano relax e conciliano il riposo. Sogni d’oro!

  • shares
  • Mail