Per Legambiente l’Italia è ‘Un Paese in bottiglia’… d’acqua

Quello di cui parliamo oggi è un argomento che mi tocca da vicino: il consumo dell’acqua. Già, perché mentre sto cercando di ‘disintossicarmi’ dalla dipendenza da acqua minerale in bottiglia e mi sono convertita quasi integralmente a quella che sgorga dal rubinetto, scopro che l’Italia detiene il record mondiale di consumo di acqua in bottiglia: una media di mezzo litro a persona al giorno.

In pratica: ognuno di noi pare beva 194 litri di acqua imbottigliata all’anno (nel 1985, poco più di 20 anni fa, erano solo 65 a testa). Tutto questo, in altri termini significa circa sei miliardi di bottiglie di plastica gettate via di cui soltanto un terzo viene effettivamente riciclato (i dati, stavolta, sono del 2006) per un totale di 480mila tonnellate di petrolio impiegate e 624mila di anidride carbonica emesse nell’aria.

Davvero dati impressionanti, una crescita esponenziale dovuta alle denunce d’inquinamento delle falde acquifere e alle scoperte di discariche abusive fatte negli anni Ottanta, che hanno fatto fare all’acqua minerale in bottiglia il ‘salto di qualità’, da semplice preferenza di gusto a vero e proprio bisogno indotto. Tutto questo e molto altro lo potete trovare nell’illuminante rapporto ‘Un Paese in bottiglia’ presentato da Legambiente il 22 marzo scorso in occasione della Giornata mondiale dell’acqua.

  • shares
  • Mail