La spesa? Fatela a Campobasso!

Oppure a L’Aquila, ma anche a Napoli o Palermo: sono queste, infatti, secondo uno studio comparato dell’Istat sui prezzi del 2006, le città meno care per i generi alimentari. Guai, invece, recarsi nei supermercati di Bolzano, Trieste, Genova e Bologna: paghereste un pacco di pasta il 13% in più rispetto alla media nazionale, e anche la ‘capitale del Nord’, Milano, non se l passa tanto bene.

Se dovete acquistare casalinghi, invece, sarà meglio dirigersi a Bologna, Potenza o sempre a Campobasso, imbattibile con il suo 22,8% in meno della media italiana; ancora una volta tenetevi lontani da Milano dove per lo stesso oggetto sborsereste il 25,8% in più che altrove.

Intanto le associazioni di consumatori si mobilitano contro il caro spesa: oltre all’iniziativa dell’sms, in Lombardia la Coldiretti offre latte appena munto al 40% in meno del prezzo che si trova comunemente sugli scaffali dei supermarket.

  • shares
  • Mail